Dichiarazione della Federazione mondiale dell’ADHD: 208 conclusioni scientifiche sul disturbo

Traduzione da sciencedirect.com, articolo originale in inglese qui.

Punti salienti

• L’ADHD si verifica nel 5,9% dei giovani e nel 2,5% degli adulti.

• La maggior parte dei casi di ADHD sono causati dagli effetti combinati di molti rischi genetici e ambientali.

• Ci sono piccole differenze nel cervello tra le persone con e senza ADHD.

• L’ADHD non trattato può portare a molti esiti negativi.

• L’ADHD costa alla società centinaia di miliardi di dollari ogni anno, in tutto il mondo.

Astratto

Le idee sbagliate sull’ADHD stigmatizzano le persone colpite, riducono la credibilità dei pazienti  e prevengono / ritardano il trattamento. Per sfidare le idee sbagliate, abbiamo curato i risultati con una solida base di prove.

Metodi

Abbiamo esaminato studi con più di 2000 partecipanti o meta-analisi di cinque o più studi o 2000 o più partecipanti. Sono state escluse meta-analisi che non valutavano bias di pubblicazione, ad eccezione delle meta-analisi di prevalenza. Per le meta-analisi di rete abbiamo richiesto grafici a imbuto per il confronto. Sono stati esclusi gli studi di trattamento con lista d’attesa o trattamento come il gruppo di controllo. Da questa letteratura, abbiamo estratto affermazioni basate sull’evidenza sul disturbo.

Risultati

Abbiamo generato 208 affermazioni empiricamente supportate sull’ADHD. Lo stato delle dichiarazioni incluse come supportato empiricamente è approvato da 80 autori di 27 paesi e 6 continenti. I contenuti del manoscritto sono approvati da 366 persone che hanno letto questo documento e concordano con il suo contenuto.

Conclusioni

Molti risultati nell’ADHD sono supportati dalla meta-analisi. Questi consentono affermazioni ferme sulla natura, il corso, le cause dei risultati e i trattamenti per i disturbi che sono utili per ridurre le idee sbagliate e lo stigma.

1. Introduzione

Quasi due decenni fa, un team internazionale di scienziati ha pubblicato la prima Dichiarazione di consenso internazionale sul disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) (Barkley, 2002). Hanno cercato di presentare la ricchezza di dati scientifici che attestano la validità dell’ADHD come disturbo mentale e di correggere le idee sbagliate sul disturbo che stigmatizzava le persone affette, riduceva la credibilità degli operatori sanitari e impediva o ritardava il trattamento delle persone sfidate dal disturbo (DosReis et al., 2010; Horton-Salway, 2013; McLeod et al., 2007; Mueller et al., 2012).

Questo documento aggiorna la Dichiarazione di Consenso Internazionale catalogando importanti scoperte scientifiche degli ultimi 20 anni. Non intendiamo presentare un’enciclopedia dell’ADHD o linee guida per la diagnosi e il trattamento. Quest’ultimo può essere trovato nei riferimenti citati. Il nostro scopo è fornire informazioni aggiornate e accurate sull’ADHD supportate da un corpo di prove sostanziale e rigoroso.

2. Metodi

Abbiamo identificato affermazioni basate sull’evidenza sull’ADHD attraverso l’esame accurato di meta-analisi di alta qualità pubblicate e studi molto ampi. Il controllo degli esperti è stato fornito da un comitato direttivo del progetto (tabella supplementare 1) che includeva rappresentanti dei seguenti gruppi professionali dedicati alla ricerca e all’assistenza clinica dell’ADHD: The World Federation of ADHD, EUropean NETwork for Hyperkinetic DIsorderS (Eunethydis), the American Professional Society dell’ADHD e dei disturbi correlati, la Canadian ADHD Resource Alliance, la Asian Federation of ADHD, la Latin American League of ADHD, l’Australian ADHD Professionals Association, la Israeli Society of ADHD, la Saudi ADHD Society, Neurodevelopmental Disorders Across Lifespan section of the European Psychiatric Association, ADHD Guidelines Group of the Association of Medical Scientific Societies in Germany, ADHD Network of European College of Neuropsychopharmacology, Chinese Society of Child and Adolescent Psychiatry e ADHD Section of the World Psychiatric Association.

Tabella 1. Riepilogo dei risultati. I numeri indicano le fonti presenti nell’articolo originale.

La sindrome che ora chiamiamo ADHD è stata descritta nella letteratura medica dal 1775. 1–13
Quando fatta da un medico autorizzato, la diagnosi di ADHD è ben definita e valida a tutte le età, anche in presenza di altri disturbi psichiatrici, che è comune. 14-19
L’ADHD è più comune nei maschi e si verifica nel 5,9% dei giovani e nel 2,5% degli adulti. Ciò è stato osservato in studi provenienti da Europa, Scandinavia, Australia, Asia, Medio Oriente, Sud America e Nord America. 20–25
L’ADHD è raramente causato da un singolo fattore di rischio genetico o ambientale, ma la maggior parte dei casi di ADHD sono causati dagli effetti combinati di molti rischi genetici e ambientali, ciascuno con un effetto molto piccolo. 26–62
Le persone con ADHD spesso mostrano prestazioni ridotte nei test psicologici del funzionamento del cervello, ma questi test non possono essere utilizzati per diagnosticare l’ADHD. 63–70
Gli studi di neuroimaging trovano piccole differenze nella struttura e nel funzionamento del cervello tra le persone con e senza ADHD. Queste differenze non possono essere utilizzate per diagnosticare l’ADHD. 71–77
Le persone con ADHD sono a maggior rischio di obesità, asma, allergie, diabete mellito, ipertensione, disturbi del sonno, psoriasi, epilessia, infezioni a trasmissione sessuale, anomalie dell’occhio, disturbi del sistema immunitario e disturbi metabolici. 78–100
Le persone con ADHD sono maggiormente a rischio di bassa qualità della vita, disturbi da uso di sostanze, lesioni accidentali, scarso rendimento scolastico, disoccupazione, gioco d’azzardo, gravidanze adolescenziali, difficoltà di socializzazione, delinquenza, suicidio e morte prematura. 101–136
Gli studi sull’onere economico mostrano che l’ADHD costa alla società centinaia di miliardi di dollari ogni anno, in tutto il mondo. 137–147
Le agenzie di regolamentazione di tutto il mondo hanno stabilito che diversi farmaci sono sicuri ed efficaci per ridurre i sintomi dell’ADHD, come dimostrato da studi clinici controllati randomizzati. 148–157
Il trattamento con farmaci per l’ADHD riduce lesioni accidentali, lesioni cerebrali traumatiche, abuso di sostanze, fumo di sigaretta, scarso rendimento scolastico, fratture ossee, infezioni a trasmissione sessuale, depressione, suicidio, attività criminale e gravidanze adolescenziali. 158–177
Gli effetti negativi dei farmaci per l’ADHD sono in genere lievi e possono essere affrontati modificando la dose o il farmaco. 178–188
I farmaci stimolanti per l’ADHD sono più efficaci dei farmaci non stimolanti ma hanno anche maggiori probabilità di essere abusati. 189–194
I trattamenti non farmacologici per l’ADHD sono meno efficaci dei trattamenti farmacologici per i sintomi dell’ADHD, ma sono spesso utili per aiutare i problemi che persistono dopo che i farmaci sono stati ottimizzati. 195–208

Per studi di grandi dimensioni, abbiamo cercato PubMed con questi criteri di ricerca: ADHD [tiab] AND (nazionale [tiab] OR nazionale [tiab] OR registro [tiab] OR registro [tiab]) NON revisione [Tipo di pubblicazione] NON meta-analisi [ Tipo di pubblicazione]. Per le meta-analisi, abbiamo cercato PubMed con questi criteri di ricerca: ADHD [Tutti i campi] AND (meta-analisi [Titolo] O meta-analisi [Titolo] O meta-analitica [Titolo] O revisione sistematica [Titolo]). Sono state escluse meta-analisi che non valutavano bias di pubblicazione, ad eccezione delle meta-analisi di prevalenza. Per le meta-analisi di rete abbiamo richiesto la presentazione di grafici a imbuto regolati per il confronto. Per gli studi sul trattamento, abbiamo escluso i risultati delle meta-analisi inclusi i confronti dei trattamenti con la lista d’attesa o il trattamento come i controlli usuali.

Oltre alle dichiarazioni sulla storia dell’ADHD e sui suoi criteri diagnostici, abbiamo richiesto che ogni affermazione basata sull’evidenza fosse supportata da meta-analisi o da ampi studi di registro con più di 2000 partecipanti. Abbiamo richiesto meta-analisi per riportare i dati di cinque o più studi o 2000 o più partecipanti.

Descriviamo l’entità dei risultati della dimensione dell’effetto utilizzando criteri standard come segue: differenza media standardizzata: piccola = 0,20, media = 0,50, grande = 0,80; coefficiente di correlazione: piccolo = 0,10, medio = 0,24, grande = 0,37 (Ellis, 2010; Rosenthal e Rosnow, 1984). “Moderato” è utilizzato come sinonimo di “medio” e “forte” per “grande”. Un effetto “piccolo” è generalmente difficile da osservare in un individuo, ma può essere molto importante per la salute pubblica se riguarda un’esposizione comune che colpisce molti bambini. Un effetto “medio” dovrebbe essere evidente a un osservatore attento (Cohen, 1988). Un effetto “ampio” è generalmente rilevante per la pratica clinica a livello dell’individuo.

Se un argomento non è incluso in questo documento, non significa che l’argomento non sia importante; piuttosto, significa che le prove trovate erano insufficienti per consentire conclusioni definitive. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli studi di qualità erano insufficienti, perché non è stato fatto alcun tentativo di valutare il bias di pubblicazione o perché i dati disponibili non supportano le affermazioni fatte. Dopo che il documento è stato completato, abbiamo invitato altri colleghi a partecipare come firmatari per indicare il loro sostegno al documento. In quanto segue, usiamo il termine “evidence-based” per fare riferimento a prove che soddisfano i criteri di inclusione / esclusione che abbiamo usato nella nostra ricerca in letteratura. Riconosciamo che potrebbero essere applicati altri criteri, come la richiesta dell’assenza di grave eterogeneità nelle meta-analisi o l’aumento del numero di partecipanti alla ricerca.

3. Panoramica dei risultati

La nostra strategia di ricerca ha generato 208 affermazioni empiricamente supportate sull’ADHD. Per i dettagli, vedere il diagramma PRISMA nella Figura supplementare 1 nel sito originale. Lo stato delle affermazioni incluse come supportato empiricamente è stato approvato dagli 80 autori di 27 paesi e 6 continenti (Figura 2 supplementare). È stato approvato da 366 persone che hanno letto questo documento e concordano con il suo contenuto (tabella supplementare 2). La tabella 1 riassume i nostri risultati insieme ai numeri degli elementi che supportano ciascuna affermazione. Un limite di questa dichiarazione di consenso è che non riportiamo risultati di ricerche consolidate per le quali non esistono meta-analisi o studi molto ampi. L’assenza di un tale studio non è sempre un’indicazione della conoscenza dell’assenza di un effetto.

4. Una breve storia: l’ADHD non è un nuovo disturbo

Il concetto di ADHD ha una lunga storia, a partire dai rapporti clinici dei paesi europei. Il significato clinico dei segni e dei sintomi del disturbo è stato riconosciuto da oltre due secoli. Anche se questi primi rapporti non usavano il termine “ADHD”, descrivevano i bambini che mostravano i sintomi e le difficoltà che ora riconosciamo come ADHD. Per una storia dettagliata vedere (Lange et al., 2010; Taylor, 2011; Weikard, 1799). Ecco i punti salienti della storia iniziale dell’ADHD:

1
1775: Melchior Adam Weikard, un medico tedesco, scrisse la prima descrizione da manuale di un disturbo con i tratti distintivi dell’ADHD.

2
1798: Alexander Crichton del Royal College of Physicians (Regno Unito) descrisse un disturbo simile in un libro di testo medico (Palmer e Finger, 2001).

3
1845: Heinrich Hoffmann, che in seguito divenne capo del primo ospedale psichiatrico di Francoforte sul Meno, in Germania, descrisse l’iperattività e i deficit di attenzione in un libro per bambini che documentava comportamenti simili all’ADHD e le loro difficoltà associate (Hoffmann, 1990).

4
1887-1901: Désiré-Magloire Bourneville, Charles Boulanger, Georges Paul-Boncour e Jean Philippe hanno descritto un equivalente dell’ADHD negli scritti medici ed educativi francesi (Martinez-Badia e Martinez-Raga, 2015).

5
1902: George Still, un medico del Regno Unito, scrisse la prima descrizione del disturbo in una rivista scientifica (Still, 1902a, b, c).

6
1907: Augusto Vidal Perera scrisse il primo compendio spagnolo di psichiatria infantile. Ha descritto l’impatto della disattenzione e dell’iperattività tra gli scolari (Vidal Perera, 1907).

7
1917: il neurologo e psichiatra spagnolo Gonzalo Rodriguez-Lafora descrisse i sintomi dell’ADHD nei bambini e disse che erano probabilmente causati da un disturbo cerebrale di origine genetica (Lafora, 1917).

8
1932: Franz Kramer e Hans Pollnow, dalla Germania, descrissero una sindrome simile all’ADHD e coniarono il termine “disturbo ipercinetico”, che fu successivamente adottato come termine dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Kramer e Pollnow, 1932; Neumarker, 2005).

9
1937: Charles Bradley, dagli Stati Uniti, scoprì che un farmaco a base di anfetamine riduceva i sintomi simili all’ADHD (Bradley, 1937).

10
Anni ’40: sintomi simili all’ADHD nei bambini descritti come “disfunzione cerebrale minima”.

11
1956-1958: primo suggerimento in uno studio di follow-up sulla persistenza di comportamenti minimi correlati alla disfunzione cerebrale nell’età adulta (Morris et al., 1956; O’Neal e Robins, 1958)

12
Anni ’60: la Food and Drug Administration statunitense ha approvato il metilfenidato (Ritalin) per i disturbi comportamentali nei bambini.

13
Dagli anni ’70 ad oggi: i criteri diagnostici per l’ADHD si sono evoluti sulla base di ricerche che dimostrano che la diagnosi predice la risposta al trattamento, il decorso clinico e la storia familiare del disturbo.

5. Come viene diagnosticata l’ADHD?

L’ADHD può essere diagnosticato solo da un medico autorizzato che intervista il genitore o il caregiver e / o il paziente per documentare i criteri per il disturbo (American Psychiatric Association, 2013; Chinese Society of Psychiatry, 2001; Faraone et al., 2015; Feldman e Reiff, 2014; Pearl et al., 2001; Stein, 2008; Organizzazione mondiale della sanità, 2018). Non può essere diagnosticato solo con scale di valutazione, test neuropsicologici o metodi per l’imaging del cervello.

La diagnosi di ADHD è stata criticata come soggettiva perché non si basa su un test biologico. Questa critica è infondata. L’ADHD soddisfa i criteri standard per la validità di un disturbo mentale stabiliti da Robins e Guze (Faraone, 2005; 1970). Il disturbo è considerato valido perché: 1) professionisti ben formati in una varietà di contesti e culture concordano sulla sua presenza o assenza utilizzando criteri ben definiti e 2) la diagnosi è utile per prevedere a) ulteriori problemi che il paziente può avere (es. , difficoltà di apprendimento a scuola); b) futuri risultati per i pazienti (ad esempio, rischio di futuro abuso di droghe); c) risposta al trattamento (ad es. farmaci e trattamenti psicologici); e d) caratteristiche che indicano un insieme coerente di cause del disturbo (ad esempio, risultati dalla genetica o dall’imaging cerebrale) (Faraone, 2005). Le associazioni professionali hanno approvato e pubblicato le linee guida per la diagnosi dell’ADHD (Alliance, 2011; Banaschewski et al., 2018; Bolea-Alamanac et al., 2014; Crunelle et al., 2018; Flisher e Hawkridge, 2013; Graham et al., 2011 ; Kooij et al., 2019; National Collaborating Center for Mental Health, 2018; National Institute for Health Care and Excellence, 2018a, b; Pliszka, 2007; Schoeman e Liebenberg, 2017; Seixas et al., 2012; Taylor et al. , 2004; Wolraich et al., 2011).

Le caratteristiche principali della diagnosi sono:
14
La diagnosi richiede: 1) la presenza di livelli evolutivamente inappropriati di sintomi iperattivo-impulsivi e / o disattenti per almeno 6 mesi; 2) sintomi che si verificano in contesti diversi (es. casa e scuola); 3) sintomi che causano difficoltà nella vita; 4) alcuni dei sintomi e delle difficoltà si sono verificati per la prima volta nella prima infanzia e nella metà dell’infanzia; e 4) nessun altro disturbo spiega meglio i sintomi (American Psychiatric Association, 2013; World Health Organization, 2018; Yi and Jing, 2015).

15
La presentazione clinica dell’ADHD può essere descritta come principalmente disattenta, principalmente iperattiva-impulsiva o combinata, a seconda della natura della loro symptoms (American Psychiatric Association, 2013). Le meta-analisi indicano che la disattenzione è più fortemente associata a deficit accademico, bassa autostima, esiti occupazionali negativi e funzionamento adattivo generale inferiore. I sintomi iperattivo-impulsivo sono associati al rifiuto dei pari, aggressività, comportamenti di guida rischiosi e lesioni accidentali. Anche i pattern dei disturbi associati differiscono tra le dimensioni (Willcutt et al., 2012).

16
L’ADHD altera il funzionamento di persone altamente intelligenti, quindi il disturbo può essere diagnosticato in questo gruppo. Uno studio basato sulla popolazione di oltre 5700 bambini non ha rilevato differenze significative tra i bambini con QI alto, medio o basso e ADHD nell’età media in cui sono stati soddisfatti i criteri ADHD, tassi di disturbi dell’apprendimento, disturbi psichiatrici e abuso di sostanze e tassi di trattamento stimolante (Katusic et al., 2011; Rommelse et al., 2017).

17
Nell’adolescenza e nella giovane età adulta, molti individui con una storia di ADHD infantile continuano a essere affetti dal disturbo, sebbene spesso mostrino una ridotta iperattività e impulsività pur conservando i sintomi di disattenzione (Faraone et al., 2006).

18
Molti ampi studi epidemiologici e clinici dimostrano che l’ADHD spesso si verifica in concomitanza con altri disturbi psichiatrici, in particolare depressione, disturbo bipolare, disturbi dello spettro autistico, disturbi d’ansia, disturbo oppositivo provocatorio, disturbo della condotta, disturbi alimentari e disturbi da uso di sostanze (Bernardi et al. , 2012; Chen et al., 2018c; Groenman et al., 2017; Nazar et al., 2016; Solberg et al., 2018; Tung et al., 2016; Yao et al., 2019). La loro presenza non esclude una diagnosi di ADHD.

19
Una meta-analisi che comprende 25 studi con oltre otto milioni di partecipanti ha rilevato che i bambini e gli adolescenti che sono relativamente più giovani dei loro compagni di classe hanno maggiori probabilità di essere diagnosticati con ADHD (Caye et al., 2020)

6. Quanto è comune l’ADHD?

L’ADHD si verifica in tutto il mondo sviluppato e in via di sviluppo ed è più comune nei maschi rispetto alle femmine. Non è diventato più comune negli ultimi tre decenni, anche se a causa del maggiore riconoscimento da parte dei medici, è più probabile che il disturbo venga diagnosticato oggi rispetto ai decenni precedenti.

20
Una meta-analisi di 19 studi con oltre 55.000 partecipanti ha rilevato che il 5,9% dei giovani soddisfa i criteri diagnostici per l’ADHD (Willcutt, 2012). Un’altra meta-analisi, con 135 studi e circa un quarto di milione di giovani, non ha rilevato differenze significative nella prevalenza tra Nord America ed Europa, Asia, Africa, Sud America e Oceania (Polanczyk et al., 2014).

21
L’ultima meta-analisi non ha rilevato alcun aumento della prevalenza di ADHD nei bambini e negli adolescenti negli ultimi tre decenni (Polanczyk et al., 2014). Sebbene la prevalenza dell’ADHD non sia cambiata in questo periodo di tempo, ampi studi negli Stati Uniti e in Svezia indicano che è più probabile che l’ADHD sia stato diagnosticato negli ultimi anni, il che riflette i cambiamenti nelle pratiche amministrative e cliniche (Rydell et al., 2018; Song et al., 2019; Xu et al., 2018).

22
Una meta-analisi di sei studi con oltre 5300 partecipanti ha stimato che la prevalenza dell’ADHD in età adulta fosse del 2,5% (Simon et al., 2009). Una meta-analisi di 20 studi che abbracciano 13 paesi e sette regioni / aree metropolitane, coinvolgendo più di 26.000 partecipanti, ha stimato che il 2,8% degli adulti soddisfa i criteri per l’ADHD (Fayyad et al., 2017). La minore prevalenza negli adulti rispetto ai giovani è coerente con una meta-analisi di 21 studi con oltre 1600 partecipanti che mostrano che solo circa uno su sei giovani con ADHD soddisfa ancora i criteri diagnostici completi per l’ADHD all’età di 25 anni e circa la metà mostra segni di residui sintomi (Faraone et al., 2006).

23
Una meta-analisi di nove studi con un totale di oltre 32.000 adulti più anziani ha rilevato una prevalenza del 2,2% sulla base delle scale di valutazione dell’ADHD, che scende all’1,5% se limitata a persone di almeno cinquant’anni. Eppure una meta-analisi di sette studi con oltre 11,7 milioni di partecipanti sulla base di diagnosi cliniche di ADHD, eseguita dallo stesso team, ha riportato una prevalenza di solo lo 0,2% per le persone di almeno cinquant’anni. Una terza meta-analisi eseguita dagli stessi ricercatori, di quattro studi con oltre 9,2 milioni di partecipanti, ha rilevato un tasso di trattamento dell’ADHD di solo lo 0,02% tra le persone di almeno cinquant’anni (Dobrosavljevic et al., 2020).

24
Una meta-analisi di 19 studi che hanno coinvolto oltre 150.000 giovani neri statunitensi di età inferiore ai 18 anni ha riportato un tasso di prevalenza di ADHD del 14%. Gli autori hanno concluso: “Gli individui neri sono a maggior rischio di diagnosi di ADHD rispetto alla popolazione generale degli Stati Uniti. Questi risultati evidenziano la necessità di aumentare la valutazione e il monitoraggio dell’ADHD tra gli individui neri di diversa estrazione sociale” (Cénat et al., 2021).

25
L’ADHD è più comune nei maschi. Una meta-analisi delle valutazioni dei sintomi dei genitori in 29 studi con oltre 42.000 partecipanti e delle valutazioni degli insegnanti in 24 studi con oltre 56.000 partecipanti, ha rilevato un rapporto maschi / femmine di circa due a uno nei giovani.(Willcutt, 2012).

7. Quali sono le cause dell’ADHD?

Per la maggior parte delle persone con ADHD, molti fattori di rischio genetici e ambientali si accumulano per causare il disturbo (Faraone et al., 2015). I rischi ambientali per l’ADHD esercitano i loro effetti molto presto nella vita, durante il periodo fetale o nel primo periodo postnatale. In rari casi, tuttavia, i sintomi simili all’ADHD possono essere causati da estrema privazione nei primi anni di vita (Kennedy et al., 2016), una singola anomalia genetica (Faraone e Larsson, 2018) o lesioni cerebrali traumatiche all’inizio della vita (Stojanovski et al. al., 2019). Questi risultati sono utili per comprendere le cause dell’ADHD ma non sono utili per diagnosticare il disturbo. Le associazioni tra gli aspetti dell’ambiente e l’insorgenza dell’ADHD hanno raggiunto un livello molto alto di supporto. Alcuni hanno una forte evidenza di un ruolo causale ma, per la maggior parte, rimane la possibilità che queste associazioni siano dovute a effetti genetici e ambientali correlati. Per questo motivo, ci riferiamo alle caratteristiche degli ambienti prenatali e postnatali che aumentano il rischio di ADHD come correlate, piuttosto che come cause. I rischi genetici e ambientali descritti di seguito non sono necessariamente specifici dell’ADHD.

7.1. Cause genetiche dell’ADHD
26
Una revisione di 37 studi sui gemelli negli Stati Uniti, Europa, Scandinavia e Australia ha rilevato che i geni e la loro interazione con l’ambiente devono svolgere un ruolo sostanziale nel causare l’ADHD (Faraone e Larsson, 2018; Larsson et al., 2014a; Pettersson et al. al., 2019).

27
In uno studio sull’intero genoma, un team internazionale ha analizzato il DNA di oltre 20.000 persone con ADHD e oltre 35.000 senza ADHD provenienti da Stati Uniti, Europa, Scandinavia, Cina e Australia. Hanno identificato molte varianti di rischio genetico, ciascuna con un piccolo effetto sul rischio per il disturbo (Demontis et al., 2019). Questo studio ha confermato una causa poligenica per la maggior parte dei casi di ADHD, il che significa che molte varianti genetiche, ciascuna con un effetto molto piccolo, si combinano per aumentare il rischio per il disturbo. Il rischio poligenico per l’ADHD è associato alla psicopatologia generale (Brikell et al., 2020) e a diversi disturbi psichiatrici (Lee et al., 2019a, b).

28
Altri geni sono stati implicati dalle meta-analisi, ma il loro stato di geni di rischio rimane incerto fino a quando non vengono convalidati in uno studio sull’intero genoma. Questi geni sono ANKK1 (Pan et al., 2015) DAT1 (Grunblatt et al., 2019b), LRP5 e LRP6 (Grunblatt et al., 2019a), SNAP25 (Liu et al., 2017b), ADGRL3 (Bruxel et al. , 2020) DRD4 e BAIAP2 (Bonvicini et al., 2020, 2016).

29
Il rischio poligenico per l’ADHD predice i sintomi dell’ADHD nella popolazione, suggerendo che le cause genetiche dell’ADHD come disturbo influenzano anche i livelli sotto la soglia dei sintomi dell’ADHD nella popolazione (Demontis et al., 2019; Taylor et al., 2019).

30
Nella popolazione, quelli con un alto rischio poligenico di ADHD hanno maggiori probabilità di essere stati diagnosticati con ADHD (Li, 2019), ansia o depressione (Martin et al., 2018).

31
L’ADHD può anche essere il risultato di rari difetti di un singolo gene (Faraone e Larsson, 2018) o di anomalie dei cromosomi (Cederlof et al., 2014). Quando è stato analizzato il DNA di 8000+ bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) e / o ADHD e 5000 controlli, quelli con ASD e quelli con ADHD avevano un aumento del tasso di mutazioni genetiche rare rispetto ai controlli (Satterstrom et al., 2019) .

32
Studi sulla famiglia, sui gemelli e sul DNA mostrano che le influenze genetiche e ambientali sono parzialmente condivise tra ADHD e molti altri disturbi psichiatrici (ad esempio schizofrenia, depressione, disturbo bipolare, disturbo dello spettro autistico, disturbo della condotta, disturbi alimentari e disturbi da uso di sostanze) e con disturbi somatici disturbi (ad es. emicrania e obesità) (Demontis et al., 2019) (Faraone e Larsson, 2018) (Ghirardi et al., 2018) (Lee et al., 2019a, b) (Lee et al., 2013) (Anttila et al., 2018; Tylee et al., 2018) (van Hulzen et al., 2017) (Vink e Schellekens, 2018) (Brikell et al., 2018) (Chen et al., 2019a) (Yao et al. , 2019). Tuttavia, esiste anche un rischio genetico unico per l’ADHD. L’evidenza di rischi genetici e ambientali condivisi tra i disturbi suggerisce che questi disturbi condividono anche una fisiopatologia nei percorsi biologici che disregolano il neurosviluppo e creano variazioni cerebrali che portano all’insorgenza del disturbo.

33
Studi molto ampi su famiglie suggeriscono che l’ADHD condivide cause genetiche o familiari con malattie autoimmuni (Li et al., 2019), ipospadia (Butwicka et al., 2015) e disabilità intellettiva (Faraone e Larsson, 2018).

7.2. Correlati ambientali dell’ADHD: esposizione a sostanze tossiche
34
Un paio di meta-analisi hanno trovato piccole correlazioni tra carico di piombo e sintomi di disattenzione (27 studi, oltre 9300 giovani) e sintomi di iperattività-impulsività (23 studi, oltre 7800 giovani) (Goodlad et al., 2013). Una meta-analisi più recente di 14 studi con oltre 17.000 bambini ha riportato che livelli più elevati di piombo nel sangue erano associati a probabilità quadruplicate di ADHD (Nilsen e Tulve, 2020). Uno studio su oltre 2500 giovani del National Health and Nutrition Examination Survey, un campione rappresentativo a livello nazionale della popolazione statunitense, ha scoperto che quelli con livelli di piombo nel sangue nel terzo superiore avevano 2,3 volte più probabilità di avere l’ADHD rispetto a quelli nel terzo inferiore (Froehlich et al., 2009). Uno studio simile, con oltre 4700 giovani dello stesso sondaggio nazionale, ha rilevato che quelli con livelli di piombo nel sangue nel quinto più alto avevano quattro volte più probabilità di avere l’ADHD rispetto a quelli nel quinto più basso (Braun et al., 2006).

35
Tre meta-analisi con oltre venti studi che coprono più di tre milioni di persone hanno trovato l’esposizione prenatale al fumo materno associata a un aumento superiore al 50% dell’incidenza di ADHD (Huang et al., 2018a) (Dong et al., 2018; Nilsen e Tulve, 2020). Sebbene questa associazione sia stata osservata anche in ampi studi sulla popolazione (Joelsson et al., 2016; Obel et al., 2016; Skoglund et al., 2014), scompare dopo l’aggiustamento per la storia familiare di ADHD, il che indica che l’associazione tra il fumo materno durante la gravidanza e l’ADHD è dovuto a fattori familiari o genetici che aumentano il rischio sia per il fumo che per l’ADHD.

36
Una meta-analisi di nove studi che abbracciano tre continenti e oltre 100.000 partecipanti ha scoperto che l’esposizione infantile al fumo di sigaretta passivo era associata a una probabilità maggiore del 60% di ADHD. Non era chiaro in che misura l’associazione fosse causale rispetto a causa di fattori di confondimento (Huang et al., 2021).

37
In una meta-analisi di 15 studi in doppio cieco, controllati con placebo con 219 partecipanti, i coloranti alimentari artificiali sono stati associati a un piccolo aumento dell’iperattività nei bambini (Schab e Trinh, 2004). Un’altra meta-analisi, che copre 20 studi con un totale combinato di 794 individui, ha riscontrato un piccolissimo aumento dei sintomi dell’ADHD, ma solo se valutato dai genitori, non dagli insegnanti o da altri osservatori (Nigg et al., 2012).

38
In uno studio taiwanese su oltre 10.000 nascite, l’uso materno di paracetamolo durante la gravidanza è stato associato a una probabilità maggiore del 33% di ADHD nei loro figli (Chen et al., 2019b). Un altro studio, che ha esaminato 113.000 discendenti dal Norwegian Mother and Child Cohort Study e dal Norwegian Patient Registry, incluso 2246 con ADHD, ha trovato una relazione dose-risposta tra l’uso prenatale materno di paracetamolo e ADHD (Ystrom et al., 2017).

39
Uno studio a livello nazionale utilizzando i registri nazionali danesi ha esaminato 913.000 bambini nati tra il 1997 e il 2011. L’esposizione prenatale al farmaco antiepilettico valproato era associata a un rischio maggiore del 50% di ADHD. Non sono state trovate associazioni per altri farmaci antiepilettici (Christensen et al., 2019).

40
In uno studio del registro norvegese, 297 bambini con ADHD e 553 controlli sono stati campionati in modo casuale da una popolazione ammissibile di oltre 24.000. I figli di madri nel quintile più alto di livelli di metabolita ftalato avevano una probabilità tre volte maggiore di avere avuto l’ADHD da bambini rispetto a quelli nel quintile più basso, dopo aver corretto i fattori di confondimento, come l’età materna al parto, il sesso del bambino, l’educazione materna, stato civile e fumo materno prenatale (Engel et al., 2018).

41
I pesticidi organofosfati sono potenti neurotossine. In un campione di 1139 bambini della popolazione statunitense, un aumento di dieci volte del metabolita organofosfato dimetil alchilfosfato (DMAP) è stato associato con un aumento del 55% della probabilità di avere l’ADHD. I bambini con livelli rilevabili del metabolita DMAP più comunemente rilevato avevano il doppio delle probabilità di avere l’ADHD rispetto a quelli con livelli non rilevabili (Bouchard et al., 2010).

42
Una meta-analisi non ha rilevato alcun effetto significativo di due classi di inquinanti atmosferici: particolato (sei studi, oltre 51.000 persone) e ossidi di azoto (cinque studi, oltre 51.000 persone) (Zhang et al., 2020b). Uno studio di Taiwan che ha geolinkato oltre 16.000 coppie madre-bambino ai livelli di inquinanti atmosferici non ha rilevato alcuna associazione tra livelli di particolato ridotto, livelli di anidride solforosa o livelli di biossido di azoto durante la gestazione e diagnosi di ADHD nei primi otto anni della loro vita. Ha trovato il 25% in più di probabilità di avere l’ADHD con esposizione all’ossido nitrico, un comune inquinante del traffico (Shih et al., 2020).

43
Uno studio di livello nazionale ha utilizzato il registro dell’assicurazione sanitaria nazionale sudcoreana per identificare tutti i 7200 ricoveri ospedalieri di adolescenti con una diagnosi primaria di ADHD dal 2013 al 2015 e letture giornaliere di tre inquinanti atmosferici da 318 stazioni di monitoraggio distribuite in tutto il paese nello stesso periodo . Ha scoperto che i picchi di biossido di azoto, anidride solforosa e particolato erano associati, rispettivamente, con aumenti del 47%, 27% e 12% nei ricoveri ospedalieri correlati all’ADHD nei giorni successivi. Non c’erano differenze significative tra adolescenti maschi e femmine o tra adolescenti più grandi e più giovani (Park et al., 2020).

44
Una meta-analisi di nove studi sulla popolazione europea comprendenti 4826 coppie madre-figlio ha esaminato la relazione tra l’esposizione a Sostanze uoroalchiliche (PFAS) attraverso il latte materno nell’infanzia e nello sviluppo dell’ADHD. Nessuna associazione è stata trovata con l’ADHD nella prole (Forns et al., 2020).

45
Una meta-analisi di sette studi che hanno coinvolto un totale di oltre 25.000 partecipanti da sei paesi in tre continenti non ha trovato prove di un’associazione tra consumo di zucchero e ADHD nei giovani (Farsad-Naeimi et al., 2020)

7.3. Correlati ambientali dell’ADHD: carenze nutritive
46
Un paio di meta-analisi non hanno rilevato differenze nei livelli sierici di ferro nei giovani con ADHD (sei studi, 617 partecipanti) ma riduzioni da piccole a moderate della ferritina sierica, una proteina che immagazzina ferro (dieci studi, oltre 2100 partecipanti) (Wang et al., 2017). Un altro paio di meta-analisi allo stesso modo non ha riscontrato differenze nei livelli sierici di ferro (sei studi, oltre 1700 partecipanti) ma riduzioni da piccole a moderate della ferritina sierica (12 studi, oltre 6000 partecipanti) (Tseng et al., 2018).

47
Una meta-analisi di nove studi e 586 persone ha trovato livelli ematici complessivi moderatamente inferiori di PUFA omega-3 nell’ADHD rispetto ai giovani non ADHD (Hawkey e Nigg, 2014).

48
Uno studio caso-controllo a livello nazionale basato sulla popolazione utilizzando i registri nazionali finlandesi ha confrontato 1067 pazienti con ADHD nati tra il 1998 e il 1999 con 1067 controlli abbinati. Livelli inferiori di vitamina D materna erano associati a una probabilità maggiore di circa il 50% di ADHD nei loro figli (Sucksdorff et al., 2021).

7.4. Correlazioni ambientali dell’ADHD: eventi durante la gravidanza e il parto
49
Una meta-analisi di dodici studi con oltre 6000 partecipanti ha rilevato un triplice aumento del tasso di ADHD tra i bambini con peso alla nascita molto / estremamente basso (Franz et al., 2018). Un’altra meta-analisi, combinando 85 studi con un totale di oltre 4,6 milioni di nascite, ha trovato una correlazione da piccola a moderata tra basso peso alla nascita e ADHD (Momany et al., 2018). Uno studio del registro nazionale svedese su 1,2 milioni di bambini ha rilevato un aumento graduale della probabilità di ADHD con l’aumento della prematurità. I risultati non erano dovuti a uno stress parente o socioeconomico con ADHD (Lindstrom et al., 2011). Risultati simili sono stati riportati dai registri nazionali finlandesi confrontando oltre 10.000 persone con ADHD con oltre 38.000 controlli (Sucksdorff et al., 2015).

50
Una meta-analisi di sei studi che combinano 1,4 milioni di persone ha rilevato che i bambini le cui madri avevano disturbi ipertensivi durante la gravidanza avevano un aumento del 25% del tasso di ADHD (Maher et al., 2018).

51
Uno studio di  livello nazionale basato sulla popolazione utilizzando registri svedesi e coprendo oltre due milioni di bambini, 115.000 dei quali con ADHD, ha rilevato che la preeclampsia materna durante la gravidanza è associata a una probabilità successiva di ADHD maggiore del 15% nella prole, che sale a oltre il 40% il feto è piccolo per l’età gestazionale ed è esposto alla preeclampsia. Questo modello nelle famiglie ha mostrato che non è dovuto a influenze genetiche o di altro tipo (Maher et al., 2020).

52
Due meta-analisi, una con sette studi con oltre 28.000 partecipanti e un’altra con tre studi e oltre 1,4 milioni di partecipanti, hanno rilevato che i figli di madri obese avevano circa il 60% in più di probabilità di sviluppare l’ADHD (Jenabi et al., 2019; Sanchez et al. ., 2018). Uno studio su oltre 80.000 coppie madre-figlio che partecipano al Danish National Birth Cohort ha riportato un rischio elevato di ADHD di quasi il 50% nei bambini di madri obese e un rischio raddoppiato nei bambini di madri gravemente obese (Andersen et al., 2018).

53
Una meta-analisi di due ampi studi con un totale combinato di oltre 3,1 milioni di persone ha trovato una leggera ma significativa associazione tra ipertiroidismo materno durante la gravidanza e ADHD nella prole. Anche una seconda meta-analisi di quattro studi  che hanno coinvolto oltre 3,4 milioni di partecipanti ha trovato una leggera ma significativa associazione tra ipotiroidismo materno e ADHD nella prole. Non è stato fatto alcun tentativo per valutare il ruolo dei confondenti (Ge et al., 2020).

54
Uno studio di livello nazionale utilizzando i registri nazionali danesi ha esaminato oltre un milione di nascite, confrontando la prole di madri con un unico aborto spontaneo precedente e le madri con più di un aborto spontaneo precedente con madri senza storia di aborto spontaneo. Ha scoperto che dopo aver corretto per un’ampia gamma di possibili fattori di confondimento che si sono rivelati di scarso effetto, i figli di madri con un unico aborto spontaneo avevano il 9% in più di probabilità di sviluppare l’ADHD rispetto a quelli delle madri senza aborto spontaneo. I figli di madri con due o più aborti precedenti avevano il 22% in più di probabilità di essere diagnosticati con ADHD. Questa tendenza al rialzo dell’esposizione-risposta è stata statisticamente significativa (Wang et al., 2020).

7.5. Correlati ambientali dell’ADHD: privazione, stress, infezione, povertà e traumi
55
Uno studio di Taiwan basato sulla copertura universale del database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale del paese ha confrontato oltre 14.000 pazienti con enterovirus (ER71) con un numero uguale di controlli abbinati per età e sesso. Dopo ulteriori aggiustamenti per quanto riguarda l’occupazione paterna e il livello di urbanizzazione di residenza, ha rilevato che i pazienti con enterovirus avevano il 25% in più di probabilità di essere successivamente diagnosticati con ADHD (Tseng et al., 2020).

56
Uno studio di livello nazionale basato sulla popolazione utilizzando registri danesi ha confrontato oltre 29.000 bambini nati da donne che hanno perso un parente stretto durante la gravidanza con un milione di altri bambini nella stessa platea di studio e ha scoperto che i ragazzi nati da queste donne avevano il doppio delle probabilità di avere l’ADHD (Li et al., 2010).

57
Uno studio statunitense basato sulla popolazione di oltre 14.000 partecipanti al National Longitudinal Study of Adolescent Health ha rilevato che dopo aver aggiustato i fattori di rischio demografici, socioeconomici e familiari per il maltrattamento sui minori, il tipo disattento dell’ADHD era associato all’essere stato esposto ad abuso sessuale e abbandono fisico (Ouyang et al., 2008).

58
Uno studio di livello nazionale basato sulla popolazione di oltre 18.000 bambini del database dell’assicurazione sanitaria nazionale sudcoreana ha rilevato che livelli più bassi di reddito familiare erano associati a tassi più elevati di ADHD (Choi et al., 2017). Uno studio svedese su oltre 800.000 persone ha riportato risultati simili anche dopo aggiustamenti per fattori di rischio genetici / familiari condivisi nelle famiglie (Larsson et al., 2014b).

59
Uno studio del registro nazionale danese su un milione di persone ha scoperto che gli indicatori di avversità di Rutter erano predittivi dell’ADHD. L’assistenza fuori casa era fortemente predittiva; bassa classe sociale, criminalità paterna, disturbo mentale materno e grave discordia coniugale erano moderatamente predittivi. La dimensione della famiglia numerosa non ha avuto alcun effetto (Ostergaard et al., 2016).

60
Uno studio sulla popolazione nazionale utilizzando i registri nazionali danesi ha esaminato oltre 630.000 giovani e ha trovato relazioni causa-effetto tra il livello di istruzione dei genitori inferiore, la disoccupazione dei genitori e la povertà relativa dei genitori e il rischio più elevato di ADHD nella prole. Le combinazioni di svantaggi sociali presentavano rischi cumulativi. Ad esempio, la povertà di reddito relativa dei genitori più il completamento dell’istruzione obbligatoria più la disoccupazione erano associati a un rischio di ADHD più alto di circa il 5% nella prole (Keilow et al., 2020).

61
Uno studio del registro nazionale svedese su oltre 540.000 persone ha trovato una relazione causa-effetto tra gli indicatori cumulativi di avversità nella famiglia e l’ADHD. Una morte in famiglia ha aumentato la successiva probabilità di ADHD del 60%. Sostanziale abuso di sostanze da parte dei genitori, criminalità o disturbo psichiatrico hanno più che raddoppiato la probabilità, così come l’instabilità residenziale e l’assistenza pubblica domestica (Bjorkenstam et al., 2018).

62
In un campione di 4122 giovani statunitensi con ADHD dal National Survey of Children’s Health 2016 degli Stati Uniti, una maggiore coesione familiare e il sostegno della comunità hanno ridotto il rischio di ADHD da moderato a grave (Duh-Leong et al., 2020).

8. Cosa abbiamo imparato dallo studio del cervello delle persone con ADHD?

Esistono due ampie classi di risultati della ricerca sul cervello delle persone con ADHD. Il primo proviene da studi sulle prestazioni dei pazienti su test psicologici che studiano i processi mentali. Il secondo deriva da metodi che esaminano direttamente la struttura o la funzione del cervello con scansioni di neuroimaging. Sebbene molti di questi studi abbiano trovato differenze tra gruppi di persone a cui è e non viene diagnosticata l’ADHD, le differenze sono in genere piccole e non differiscono in modo drammatico tra le persone con ADHD e quelle con altri disturbi. Pertanto, non sono utili per diagnosticare il disturbo (Thome et al., 2012). Queste differenze non sono causate dal trattamento farmacologico e, per alcuni pazienti, diminuiscono o cambiano man mano che i pazienti migliorano.

8.1. Deficit di prestazione nei processi psicologici
63
Una meta-analisi di 137 studi con oltre 9400 partecipanti di tutte le età ha rilevato che l’ADHD è associato a un QI moderatamente inferiore e a punteggi di lettura e diminuzioni maggiori nei punteggi ortografici e aritmetici (Frazier et al., 2004). Un’altra meta-analisi, che abbraccia 21 studi con oltre 1900 adulti, ha concluso che i deficit di QI associati all’ADHD erano piccoli e non clinicamente significativi (Bridgett e Walker, 2006).

64
Una serie di meta-analisi ha rilevato che le persone con ADHD avevano difficoltà da piccole a moderate con la risoluzione di problemi astratti e la memoria di lavoro (12 studi, 952 persone), attenzione focalizzata (22 studi, 1493 persone), attenzione sostenuta (13 studi, 963 persone) e memoria verbale (8 studi, 546 persone) (Schoechlin e Engel, 2005). Un’altra meta-analisi, con 11 studi con 829 partecipanti, ha riportato che le persone con ADHD erano moderatamente più inclini a errori cognitivi noti come “violazioni delle regole” (Patros et al., 2019).

65
Due meta-analisi, una con 21 studi e oltre 3900 partecipanti, l’altra con 15 studi con oltre un migliaio di partecipanti, hanno scoperto che quelli con diagnosi di ADHD hanno una moderata tendenza a favorire piccole ricompense immediate rispetto a grandi ricompense a lungo termine (Jackson e MacKillop, 2016 ; Marx et al., 2021).

66
Una meta-analisi di 37 studi con più di 2300 partecipanti ha trovato un’associazione da piccola a moderata tra ADHD e processo decisionale rischioso (Dekkers et al., 2016). Un’altra meta-analisi, combinando 22 studi con 3850 bambini e adolescenti, ha rilevato che quelli con ADHD hanno mostrato un processo decisionale impulsivo moderatamente maggiore sulla gratificazione a lungo termine (Patros et al., 2016).

67
Una recente meta-meta-analisi includeva 34 meta-analisi di profili neurocognitivi nell’ADHD (tutte le età) riguardanti 12 domini neurocognitivi. Quelli con ADHD avevano alterazioni moderate in più domini (memoria di lavoro, variabilità del tempo di reazione, inibizione della risposta, intelligenza / realizzazione, pianificazione / organizzazione). Gli effetti erano maggiori nei bambini e negli adolescenti che negli adulti (Pievsky e McGrath, 2018).

68
Una meta-analisi di 49 studi e oltre 8200 bambini e adolescenti ha riscontrato alterazioni moderate della memoria di lavoro in quelli con ADHD. Questi deficit sono diminuiti con l’età (Ramos et al., 2020).

69
Tra i giovani con ADHD, una serie di meta-analisi non ha rilevato differenze di sesso significative nei sintomi totali di ADHD (15, studi, oltre 3400 giovani), sintomi di disattenzione (26 studi, oltre 5900 giovani) o sintomi di iperattività-impulsività (24 studi , oltre 4900 giovani) (Loyer Carbonneau et al., 2020).

70
Una meta-analisi di studi randomizzati controllati (RCT) con bambini in età prescolare ha rilevato che l’allenamento cognitivo ha portato a un moderato miglioramento della memoria di lavoro (23 studi, oltre 2000 partecipanti) e un miglioramento da piccolo a moderato nel controllo inibitorio (26 studi, oltre 2200 partecipanti) (Pauli-Pott et al., 2020).

8.2. Differenze nel cervello rilevate da studi di neuroimaging
71
Un’analisi dei dati di risonanza magnetica strutturale (MRI) di 36 studi con un totale di oltre 4100 partecipanti ha rilevato una superficie corticale totale leggermente ridotta nei bambini con ADHD. Lo stesso team ha scoperto che alcune regioni sottocorticali del cervello erano più piccole nei bambini con ADHD, principalmente nelle regioni frontale, cingolata e temporale con alcune riduzioni dello spessore corticale nelle regioni temporali. Lo stesso team ha scoperto che alcune regioni sottocorticali del cervello, cioè gangli della base, amigdala, ippocampo e volumi intracranici erano più piccoli nei bambini con ADHD in 23 coorti di 3242 partecipanti. Le differenze osservate nei bambini non sono state osservate negli adolescenti o negli adulti (Hoogman et al., 2017, 2019). Tutte le differenze osservate erano da piccole a molto piccole e sottili.

72
Le meta-analisi comparative mostrano che le riduzioni del volume della materia grigia strutturale nei gangli della base e nell’insula sono specifiche del disturbo rispetto al DOC in 30 set di dati con 1870 partecipanti (Norman et al., 2016) mentre le riduzioni frontali mediali erano specifiche per ASD in 66 set di dati con 3610 partecipanti (Lukito et al., 2020). Un’analisi dei dati di risonanza magnetica strutturale (MRI) di 48 studi con un totale di oltre 12.000 partecipanti ha mostrato che i partecipanti con ADHD avevano un volume dell’ippocampo più piccolo rispetto all’OCD che era correlato alle differenze di QI e volume intracranico più piccolo rispetto ai pazienti con ASD e OCD (Boedhoe et al., 2020). Le sottoattivazioni funzionali nella corteccia frontale inferiore destra e nei gangli della base durante i compiti di controllo cognitivo erano specifiche del disturbo rispetto al DOC in 1870 partecipanti (Norman et al., 2016), mentre la disfunzione frontale inferiore era specifica rispetto all’autismo in 3610 partecipanti (Lukito et al., 2020).

73
Una meta-analisi di dieci studi di imaging del tensore di diffusione con 947 partecipanti ha rilevato che le differenze più consistenti della sostanza bianca tra quelli con e senza ADHD erano localizzate nello splenio del corpo calloso che si estendeva al cingolo destro, allo strato sagittale destro e al tapeto sinistro, suggerendo problemi con le connessioni tra i due emisferi nelle regioni di attenzione parieto-temporale posteriori e nei tratti di associazione fronto-posteriore a lungo raggio (che collegano le regioni frontali inferiori, temporali, parietali e occipitali) coinvolti nell’attenzione e nella percezione (Chen et al., 2016).

74
Una meta-analisi di 21 studi di risonanza magnetica funzionale con 607 partecipanti ha rilevato che quelli con ADHD hanno mostrato una sottoattivazione coerente e replicabile in regioni tipiche di controllo inibitorio come la corteccia frontale inferiore destra, l’area motoria supplementare e i gangli della base rispetto agli individui in via di sviluppo tipico ( Hart et al., 2013). I risultati della sottoattivazione frontale inferiore sono stati replicati in due ulteriori meta-analisi fMRI del controllo inibitorio con 33 set di dati / 1161 partecipanti e 42 set di dati / 2005 partecipanti, rispettivamente (Lukito et al., 2020; Norman et al., 2016). Un’altra meta-analisi che includeva 130 studi fMRI con 1914 partecipanti non ha trovato convergenza tranne che per la funzione aberrante nei gangli della base per compiti fMRI neutri e sotto-funzione frontale inferiore solo nei maschi (Samea et al., 2019).

75
Una meta-analisi di nove studi con oltre 1250 partecipanti alla ricerca ha rilevato che gli aumenti del theta / beta sull’elettroencefalogramma non possono essere considerati una misura diagnostica affidabile per l’ADHD sebbene possa avere valore prognostico in alcuni pazienti (Arns et al., 2013).

76
Una meta-analisi di sei studi con 148 partecipanti ha esaminato la negatività del disadattamento, che valuta l’integrità della memoria sensoriale uditiva e il cambiamento involontario dell’attenzione. Ha riferito che i bambini con ADHD hanno avuto riduzioni da piccole a moderate dell’ampiezza della negatività del disadattamento rispetto ai controlli sani (Cheng et al., 2016).

77
Meta-analisi e revisioni sistematiche hanno mostrato che i farmaci usati per trattare l’ADHD non sono associati a deficit osservati nella struttura del cervello (Hoogman et al., 2017, 2019; Lukito et al., 2020; Norman et al., 2016; Spencer et al. ., 2013), ma anzi con una migliore funzione cerebrale, soprattutto nelle regioni frontali e striatali inferiori (Hart et al., 2013; Lukito et al., 2020; Norman et al., 2016; Rubia et al., 2014; Spencer et al., 2020; Norman et al., 2016; Rubia et al., 2014; Spencer et al. al., 2013).

9. Quali tipi di problemi medici non psichiatrici si verificano comunemente tra le persone con ADHD?

Un’area di ricerca relativamente nuova sull’ADHD sta esaminando quali tipi di problemi medici sono più comuni del previsto tra le persone con ADHD. Mentre leggi questa sezione, tieni presente che non tutte le persone con ADHD soffriranno di tutti, o anche solo di uno, di questi disturbi.

9.1. Obesità
78
Uno studio del registro nazionale svedese su oltre 2,5 milioni di persone ha scoperto che i pazienti con ADHD avevano un rischio di obesità tre volte maggiore rispetto ai loro fratelli e cugini non ADHD. Ha anche trovato una co-aggregazione familiare di ADHD e obesità clinica, la cui forza varia direttamente con il grado di parentela genetica (Chen et al., 2018c).

79
Una meta-analisi ha rilevato che rispetto alle persone in via di sviluppo tipico, i bambini e gli adolescenti con ADHD non medicati avevano circa il 20% in più di probabilità di essere in sovrappeso o obesi (15 studi, oltre 400.000 partecipanti) e gli adulti con ADHD non medicati quasi il 50% in più di probabilità di essere sovrappeso o obeso (9 studi, oltre 45.000 partecipanti) (Nigg et al., 2016). Le meta-analisi di dodici studi con oltre 180.000 partecipanti hanno rilevato che le persone con ADHD non medicati avevano circa il 40% in più di probabilità di essere obese, mentre quelle che erano state medicate erano indistinguibili dalle persone in via di sviluppo tipico (Cortese et al., 2016b).

9.2. Allergie e asma
80
Uno studio del registro nazionale svedese su oltre 1,5 milioni di persone ha rilevato che le persone con asma avevano il 45% di probabilità in più di avere l’ADHD anche dopo l’aggiustamento per variabili rilevanti (Cortese et al., 2018b). Uno studio su quasi un milione di nascite utilizzando i registri nazionali danesi ha rilevato che i bambini nati da madri asmatiche avevano il 40% di probabilità in più di sviluppare l’ADHD (Liu et al., 2019b).

81
In una meta-analisi di sei studi longitudinali con oltre 50.000 partecipanti, quelli con asma o eczema atopico avevano un terzo di probabilità in più di avere l’ADHD rispetto ai controlli. Una meta-analisi di tre studi con oltre 48.000 partecipanti ha rilevato che quelli con rinite allergica avevano circa il 50% in più di probabilità di avere l’ADHD (van der Schans et al., 2017).

9.3. Diabete mellito
82
Un’analisi retrospettiva di oltre 650.000 bambini e adolescenti nei database tedeschi di diagnosi e prescrizione ha rilevato che l’ADHD aveva il 40% in più di probabilità di essere diagnosticato tra i bambini con diabete di tipo 1 (T1DM) (Kapellen et al., 2016).

83
Uno studio di registro multicentrico tedesco su oltre 56.000 bambini e adolescenti ha rilevato che quelli con ADHD e T1DM soffrivano due volte più spesso di chetoacidosi diabetica rispetto ai pazienti diabetici senza ADHD. Hanno anche trovato differenze significative nell’HbA1c e hanno concluso: “I pazienti pediatrici con ADHD e T1DM hanno mostrato uno scarso controllo metabolico rispetto ai pazienti con T1DM senza ADHD” (Hilgard et al., 2017).

84
Uno studio longitudinale utilizzando il database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan ha selezionato oltre 35.000 pazienti con ADHD e oltre 70.000 controlli abbinati per età e sesso. Gli adolescenti ei giovani adulti con ADHD avevano una probabilità circa tre volte maggiore di sviluppare il diabete mellito di tipo 2 (Chen et al., 2018b).

85
Uno studio eseguito utilizzando più registri nazionali svedesi ha esaminato oltre 1,6 milioni di adulti di età compresa tra 50 e 64 anni. La prevalenza del diabete mellito di tipo 2 era maggiore del 70% tra gli adulti con ADHD (Chen et al., 2018c).

86
Una meta-analisi ha rilevato che il diabete di tipo 1 preesistente materno era associato a un piccolo aumento del rischio di ADHD nella prole (4 studi, oltre cinque milioni di persone). Così era il diabete di tipo 1 preesistente paterno (3 studi, 4,7 milioni di persone) e il diabete di tipo 2 preesistente materno (2 studi, 2,6 milioni di persone) (Zeng et al., 2020). Uno studio svedese ha esaminato tutti i 15.615 bambini nati dopo che ai loro genitori era stato diagnosticato il diabete di tipo 1. Dopo aver controllato i fattori di confondimento, ha scoperto che questi bambini avevano una probabilità maggiore del 30% di essere diagnosticati con ADHD (Ji et al., 2018).

9.4. Altri disturbi somatici
87
Una meta-analisi di 18 studi con più di 2500 bambini e adolescenti ha trovato un’associazione moderata tra disturbi respiratori nel sonno e ADHD (Sedky et al., 2014).

88
Una meta-analisi del sonno negli adulti con ADHD non ha riscontrato differenze significative con adulti normalmente in via di sviluppo, misurata mediante polisonnografia. In quattro studi con 178 partecipanti, la latenza dell’inizio del sonno, il sonno della fase 1, il sonno della fase 2, il sonno a onde lente, la REM e l’efficienza del sonno erano tutti comparabili. Lo stesso con il tempo di sonno totale (3 studi, 130 persone) e con la latenza REM e la veglia dopo l’inizio del sonno (3 studi, 121 persone). Come misurato dall’actigrafia, non c’erano differenze significative per il tempo a letto e il tempo di veglia effettivo (3 studi, 159 persone) e il sonno vero (4 studi, 222 persone). Tuttavia, la latenza dell’inizio del sonno era molto maggiore per quelli con ADHD e l’efficienza del sonno era moderatamente inferiore (4 studi, 222 persone). Tuttavia, valutazioni soggettive da parte di coloro che soffrono di ADHD hanno riportato una difficoltà moderatamente maggiore ad addormentarsi (8 studi, oltre 1700 persone), una frequenza moderatamente maggiore di risvegli notturni e una probabilità moderatamente minore di essere riposati al risveglio (5 studi, oltre 1100 persone), e una qualità del sonno moderatamente peggiore (5 studi, oltre 800 persone) (Lugo et al., 2020).

89
In uno studio del registro nazionale norvegese su oltre 1,2 milioni di maschi e oltre 1,2 milioni di donne, i maschi con ADHD avevano il 30% in più di probabilità di essere diagnosticati con la psoriasi e le donne con ADHD più del 50% in più di probabilità di essere diagnosticati con la psoriasi, rispetto allo sviluppo normale controlli (Hegvik et al., 2018).

90
Uno studio di coorte sulla popolazione nazionale di Taiwan su oltre 8000 persone con ADHD e 32.000 controlli abbinati ha esplorato le associazioni con malattie autoimmuni. Ha riferito che quelli con ADHD avevano ben oltre il doppio della prevalenza di spondilite anchilosante, colite ulcerosa e malattia tiroidea autoimmune e oltre il 50% di probabilità in più di asma, rinite allergica e dermatite atopica (Chen et al., 2017a).

91
Uno studio basato sulla popolazione di oltre 900.000 bambini danesi ha rilevato che l’epilessia era associata a un aumento del rischio di ADHD di 2,7 volte (Bertelsen et al., 2016). Un altro studio  basato sulla popolazione, di oltre 12.000 taiwanesi, ha riportato che l’epilessia era associata a un rischio aumentato di 2,5 volte per l’ADHD. Al contrario, uno studio di oltre 18.000 taiwanesi ha rilevato che l’ADHD era associato a un aumento di quattro volte dell’epilessia (Chou et al., 2013).

92
Uno studio del registro nazionale su 1,9 milioni di svedesi ha riferito che le persone con epilessia avevano tre volte e mezzo più probabilità di avere l’ADHD. Il rischio di avere l’ADHD era dell’85% maggiore se la madre della persona aveva l’epilessia, del 50-60% maggiore se lo facevano il padre o un fratello o una sorella, del 15% maggiore per i cugini. La genetica ha spiegato il 40% della varianza, con fattori ambientali non condivisi che spiegano un altro 50% (Brikell et al., 2018).

93
Uno studio longitudinale che utilizza il Taiwan Health Insurance Research Database ha confrontato quasi 18.000 adolescenti e giovani adulti con ADHD con oltre 70.000 controlli abbinati per età e sesso. Quelli con ADHD avevano una probabilità tre volte maggiore di sviluppare infezioni a trasmissione sessuale, dopo aver corretto i dati demografici, altri disturbi psichiatrici e farmaci per l’ADHD (Chen et al., 2018a).

94
Uno studio del registro nazionale danese su 1,1 milioni di persone ha rilevato che il ricovero in ospedale per infezioni gravi era associato a un successivo raddoppio del tasso di diagnosi di ADHD. Tra quelli trattati con agenti anti-infettivi, il rischio di una successiva diagnosi di ADHD è stato dimezzato (Kohler-Forsberg et al., 2019).

95
Uno studio del registro nazionale danese su quasi un milione di persone ha scoperto che i bambini con malattie autoimmuni avevano il 24% in più di probabilità di sviluppare l’ADHD. La malattia autoimmune materna era associata a una probabilità maggiore del 12% di ADHD nella loro prole. La malattia autoimmune paterna non è stata associata ad alcun effetto significativo (Nielsen et al., 2017).

96
Utilizzando il set di dati basato sulla popolazione nazionale di Taiwan, oltre 116.000 bambini con ADHD sono stati confrontati con lo stesso numero di bambini selezionati in modo casuale senza ADHD. Quelli con ADHD avevano molte più probabilità di avere anomalie significative dell’occhio: quasi il 90% in più di probabilità di avere l’ambliopia (“occhio pigro”), oltre l’80% in più di probabilità di avere l’astigmatismo e il doppio delle probabilità di avere eterotropia, in cui il gli occhi divergono a riposo (Ho et al., 2020). Uno studio che utilizza lo stesso database ha abbinato 6817 giovani con diagnosi di ambliopia a oltre 27.000 controlli abbinati per età e sesso. Quelli nel gruppo dell’ambliopia avevano 1,8 volte il rischio di sviluppare l’ADHD (Su et al., 2019).

97
In uno studio su oltre 2,5 milioni di giovani tedeschi, quelli con ADHD avevano nove volte più probabilità di avere disturbi metabolici, cinque volte più probabilità di sviluppare polmonite virale, quattro volte più probabilità di avere disturbi dei globuli bianchi, tre volte più probabilità di avere insufficienza renale, pressione alta o obesità, due volte e mezzo più probabilità di avere il diabete di tipo 2 o emicrania, il doppio delle probabilità di avere l’asma o la dermatite atopica e il 50% in più di probabilità di avere il glaucoma (Akmatov et al., 2019 ). Uno studio basato sulla popolazione brasiliana che include 5671 bambini ha rilevato che quelli con emicrania hanno una probabilità circa quattro volte maggiore di avere l’ADHD (Arruda et al., 2020).

98

Uno studio su oltre 59.000 ragazzi con diagnosi di ADHD e oltre 52.000 ragazzi sani a Taiwan ha riferito che quelli nel gruppo ADHD avevano il doppio delle probabilità di sviluppare disfunzione testicolare (Wang et al., 2019).

99
Uno studio di coorte di popolazione a livello nazionale utilizzando i registri nazionali svedesi ha confrontato oltre 19.000 bambini con diagnosi di celiachia verificata tramite biopsia con oltre 95.000 controlli di bambini abbinati. Ha rilevato un successivo aumento del 29% del rischio di ADHD nei pazienti celiaci, che sale al 39% quando si limita alle diagnosi di ADHD degli adulti. Tuttavia, confrontando 13.000 bambini con diagnosi di celiachia con i loro 18.000 fratelli non celiaci, gli aumenti sono diventati non significativi, suggerendo che gli aumenti erano principalmente attribuibili ai fattori di confondimento (Lebwohl et al., 2020).

100
Uno studio nazionale svedese che utilizza registri nazionali ha esaminato le cartelle cliniche di tutti gli individui di età compresa tra 18 e 64 anni che risiedevano in Svezia durante il 2013 e ha identificato 41.840 che hanno compilato almeno una prescrizione per farmaci ADHD. I giovani adulti con ADHD avevano quattro volte più probabilità di avere co-prescrizioni somatiche e quindici volte più probabilità di avere co-prescrizioni psicotrope rispetto ai controlli normalmente in via di sviluppo. Per gli adulti di mezza età (30-49) le probabilità erano rispettivamente sei e 21 volte maggiori e per gli anziani sette e 18 volte maggiori. I farmaci respiratori (principalmente per reazioni allergiche e asma) erano i più probabili da somministrare per scopi somatici, seguiti da farmaci per il tratto alimentare e metabolici (più frequentemente inibitori della pompa protonica indicati per ulcere gastriche / duodenali e malattia da reflusso gastroesofageo), quindi farmaci per il sistema cardiovascolare (principalmente per ipertensione e aritmie) (Zhang et al., 2020a).

10. Qual è l’impatto dell’ADHD sui pazienti e sulle famiglie?

L’ADHD è un disturbo associato a grave angoscia e / o menomazioni nella vita. Sebbene, come documentato di seguito, molti esiti avversi gravi siano stati associati all’ADHD, il paziente tipico non presenta tutti, o anche la maggior parte, di questi problemi. Molti pazienti vivono una vita piacevole e produttiva, soprattutto se ricevono cure.

10.1. Qualità della vita
101
Una meta-analisi di sette studi con oltre 5000 giovani e i loro genitori ha riportato grandi peggioramenti nella qualità della vita dei giovani con ADHD rispetto ai coetanei in via di sviluppo tipico, indipendentemente dal fatto che siano valutati dai giovani stessi o dai loro genitori. Il funzionamento fisico era solo moderatamente compromesso, ma il funzionamento emotivo e il funzionamento sociale erano fortemente compromessi. Il funzionamento della scuola era fortemente compromesso. Man mano che i giovani con ADHD crescevano, la loro qualità di vita rispetto ai coetanei in via di sviluppo tipico è peggiorata in ambito fisico, emotivo e scolastico (Lee et al., 2016).

102
Una meta-analisi di 17 studi che hanno coinvolto 647 famiglie (oltre 2300 partecipanti) ha valutato la qualità della vita dei genitori i cui figli avevano l’ADHD rispetto ai genitori con bambini in via di sviluppo tipico. I genitori del primo hanno riportato un moderato deficit nella qualità della vita rispetto ai genitori del secondo (Dey et al., 2019).

10.2. Disabilità emotiva e sociale
103
Uno studio su oltre 8600 giovani del National Health Interview Survey degli Stati Uniti ha rilevato che quelli con ADHD avevano sei volte più probabilità di avere un alto livello di problemi emotivi, di condotta e coetanei, e nove volte più probabilità di manifestare un alto livello di problemi inclusi interferenza con la vita domestica, le amicizie, l’apprendimento in classe e le attività del tempo libero (Strine et al., 2006).

104
Una meta-analisi di 22 studi con oltre 21.000 partecipanti ha rilevato che i giovani con ADHD erano fortemente compromessi nella capacità di modulare la loro reattività a eventi nuovi o stressanti (Graziano e Garcia, 2016). Un’altra meta-analisi, combinando dodici studi con oltre 1900 partecipanti, ha scoperto che gli adulti con ADHD avevano livelli molto elevati di disregolazione emotiva rispetto ai controlli in via di sviluppo normale (Beheshti et al., 2020).

105
Una meta-analisi ha rilevato che i bambini con ADHD avevano difficoltà medio-grandi nella socializzazione con i coetanei, misurata in base al rifiuto / simpatia, popolarità e amicizie (61 studi, oltre 24.000 bambini). Avevano anche moderate menomazioni nelle abilità sociali come la condivisione, la cooperazione, il cambio di turno, la reciprocità (68 studi, oltre 148.000 bambini) e l’elaborazione delle informazioni sociali, come il riconoscimento dei segnali sociali, l’identificazione dei problemi, la generazione di soluzioni ed evitare i pregiudizi ( 23 studi, oltre 3750 bambini) (Ros e Graziano, 2018).

106
Uno studio condotto su oltre 53.000 bambini statunitensi dal National Survey of Children’s Health ha rilevato che quelli con ADHD avevano una probabilità 2,4 volte maggiore di subire atti di bullismo (Montes e Halterman, 2007). Uno studio più recente su circa 64.000 bambini utilizzando lo stesso database ha confermato questa scoperta, riportando che quelli con ADHD avevano una probabilità 2,8 volte maggiore di essere coinvolti in atti di bullismo (Benedict et al., 2015).

10.3. Lesioni accidentali
107
Uno studio a livello nazionale su oltre 50.000 giovani con ADHD e un numero uguale di controlli corrispondenti al sesso e alla comorbilità tratti dal database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan hanno riferito che avere l’ADHD era associato a una probabilità maggiore di tre quarti di ustioni. Per quelli sotto i sei anni, il rischio è stato raddoppiato. Per i giovani tra i sei ei diciassette anni, l’aumento del rischio è stato di circa il 70%. Non c’erano differenze significative tra ragazzi e ragazze (Yeh et al., 2020).

108
Una meta-analisi di 32 studi che coprono più di quattro milioni di persone ha rilevato che quelli con ADHD avevano un rischio maggiore del 40-50% di lesioni fisiche accidentali (Ruiz-Goikoetxea et al., 2018a).

109
Uno studio sui registri nazionali svedesi ha seguito 17.408 persone con ADHD dal 2006 al 2009 e ha scoperto che i pazienti con ADHD avevano un rischio maggiore di quasi il 50% di gravi incidenti con mezzi di trasporto (Chang et al., 2014b).

110
Uno studio statunitense su oltre 8000 atleti delle scuole superiori e delle università (prevalentemente giocatori di calcio di sesso maschile) ha rilevato che quelli con ADHD avevano una probabilità tre volte maggiore di aver avuto tre o più commozioni cerebrali segnalate (Nelson et al., 2016).

111
Una meta-analisi di 16 studi che hanno coinvolto oltre 175.000 persone ha stimato che controllando il chilometraggio guidato, quelli con ADHD avevano il 23% in più di probabilità di essere coinvolti in incidenti automobilistici (Vaa, 2014).

112
Uno studio di coorte retrospettivo su oltre 18.000 conducenti del New Jersey ha rilevato che il rischio di incidente per quelli con ADHD era di un terzo maggiore rispetto a quelli senza (Curry et al., 2017).

113
Una meta-analisi di cinque studi, comprendenti oltre tremila pazienti con lesioni cerebrali traumatiche minori (mTBI) e oltre novemila controlli ha rilevato che quelli con mTBI avevano il doppio delle probabilità di avere ADHD rispetto a quelli senza mTBI (Adeyemo et al., 2014) .

10.4. Morte prematura e suicidio
114
Uno studio danese su quasi due milioni di persone ha scoperto che l’ADHD è associato a un piccolo rischio di morte prematura, principalmente a causa di incidenti. Quando l’ADHD era accompagnato da altri disturbi psichiatrici e da uso di sostanze, le possibilità di morte prematura aumentavano (Dalsgaard et al., 2015b).

115
Uno studio su oltre 2,2 milioni di taiwanesi non ha rilevato un aumento del rischio di morte per cause naturali associate all’ADHD. Ma le persone con ADHD avevano il doppio del tasso di suicidio, il doppio del tasso di morte per omicidio e un tasso di morte maggiore del 30% per lesioni non intenzionali (Chen et al., 2019c).

116
Utilizzando registri a livello nazionale in Danimarca, uno studio su 2,9 milioni di persone ha riportato un tasso quadruplicato di tentativi di suicidio e decessi nei pazienti con ADHD. Il rischio era più di dieci volte in quelli con ADHD più un’altra diagnosi psichiatrica (Fitzgerald et al., 2019).

117
Una meta-analisi ha rilevato che le persone con ADHD hanno tentato il suicidio al doppio del tasso di persone in via di sviluppo tipico (sei studi, oltre 65.000 persone), avevano oltre tre volte il tasso di ideazione suicidaria (23 studi, oltre 70.000 persone) e oltre sei volte il tasso di suicidio completato (quattro studi, oltre 130.000 persone) (Septier et al., 2019).

118
Uno studio taiwanese su oltre 20.000 adolescenti e giovani adulti con ADHD e oltre 61.000 individui non-ADHD di pari età e sesso ha rilevato che quelli con ADHD avevano quasi quattro volte più probabilità di tentare il suicidio e oltre sei volte più probabilità di ripetere tentativi di suicidio . Il trattamento con metilfenidato o atomoxetina non ha aumentato il rischio di tentativi di suicidio o ripetuti tentativi di suicidio. Il trattamento a lungo termine con metilfenidato è stato associato a un minor rischio di ripetuti tentativi di suicidio tra gli uomini (Huang et al., 2018b).

119
In uno studio prospettico su oltre 2,6 milioni di svedesi, gli adulti con ADHD hanno avuto un piccolo aumento della morte prematura, principalmente a causa di incidenti e suicidi. Non c’era alcuna associazione significativa per i bambini con ADHD (Sun et al., 2019b).

10.5. Criminalità e delinquenza
120
Uno studio sulla popolazione danese utilizzando registri nazionali ha rilevato che, rispetto ad altri giovani, quelli con diagnosi di ADHD avevano più del doppio delle probabilità di essere condannati per reati penali e tre volte più probabilità di essere incarcerati. Dopo aver aggiustato per altri fattori di rischio, quelli con ADHD avevano il 60% in più di probabilità di essere stati condannati per un crimine e il 70% in più di probabilità di essere stati incarcerati (Mohr-Jensen et al., 2019).

121
Una meta-analisi comprendente 21 studi e oltre 19.500 detenuti carcerari ha rilevato che la prevalenza di ADHD nelle carceri sulla base delle diagnosi dell’intervista era del 20,5% senza differenze osservate tra maschi e femmine o adolescenti e adulti (Young et al., 2015). Un’altra meta-analisi ha riportato che la prevalenza di ADHD tra gli adolescenti in detenzione minorile è di poco superiore al 17%, sia per i maschi (24 studi, oltre 24.000 individui) che per le donne (13 studi, oltre 3900 individui), che è molto più alta della prevalenza nella popolazione (Beaudry et al., 2021).

122
Uno studio che ha utilizzato un campione americano rappresentativo a livello nazionale di oltre 5000 adulti ha rilevato che le persone con ADHD avevano oltre il doppio delle probabilità di essere autori di violenza fisica negli appuntamenti e il 65% in più di probabilità di essere vittime di tale violenza (McCauley et al.., 2015).

123
In uno studio nazionale su oltre 21.000 adolescenti e giovani adulti islandesi, il 14% ha riferito di essere stato interrogato in una stazione di polizia. Di questi, il 15% ha riferito di aver fatto una falsa confessione. Quelli con ADHD avevano il doppio delle probabilità di fare una falsa confessione (Gudjonsson et al., 2016).

124
Uno studio che utilizza i registri nazionali danesi ha esaminato i crimini violenti contro i giovani di età compresa tra 7 e 18 anni, su un totale di 678.000 individui. I bambini con ADHD avevano 2,7 volte più probabilità di essere vittime di crimini violenti rispetto ai loro coetanei in genere in via di sviluppo, dopo aver corretto i fattori di rischio confondenti (Christoffersen, 2019).

10.6. Scarso rendimento scolastico
125
Uno studio su un campione statunitense di quasi 30.000 adulti ha rilevato che quelli con ADHD avevano il doppio delle probabilità di non essersi diplomati in tempo alla scuola superiore, dopo aver adattato lo studio rispetto ad altri disturbi psichiatrici (Breslau et al., 2011).

126
Uno studio a livello nazionale su oltre 750.000 scolari scozzesi che utilizzavano registri nazionali collegati ha identificato coloro a cui era stato prescritto un farmaco per l’ADHD. Anche durante l’assunzione di farmaci, questi bambini avevano una probabilità tre volte maggiore rispetto ai coetanei in via di sviluppo di avere un rendimento scolastico basso, più del doppio delle probabilità di abbandonare la scuola prima dei 16 anni, più di otto volte più probabilità di avere una storia di bisogni educativi specifici, il 50% in più di probabilità di infortunarsi e il 40% di probabilità in più di essere disoccupato. Questi risultati sono stati aggiustati per fattori di confondimento socioeconomici e altre condizioni psichiatriche (Fleming et al., 2017).

127
Una meta-analisi di dieci studi e 830 giovani ha scoperto che l’ADHD era fortemente associato a prestazioni peggiori sulle misure del linguaggio generale, espressivo, ricettivo e pragmatico (Korrel et al., 2017).

10.7. Disturbi da uso di sostanze
128
Una meta-analisi di dodici studi che coprono oltre 5400 persone ha scoperto che quelli con ADHD avevano quasi tre volte più probabilità di essere dipendenti dalla nicotina. Combinando undici studi con quasi 2400 partecipanti, quelli con ADHD avevano il 50% di probabilità in più di sviluppare un disturbo da uso di droghe o alcol rispetto a quelli senza ADHD (Lee et al., 2011).

129
Una meta-analisi ha rilevato che l’ADHD era associato a più del doppio delle probabilità di disturbi da uso di alcol (13 studi, oltre 20.000 partecipanti) e disturbi correlati alla nicotina (14 studi, oltre 1800 partecipanti) (Groenman et al., 2017) .

130
Uno studio svedese su oltre mezzo milione di persone ha rilevato un’associazione più che triplice tra ADHD e successivi disturbi da uso di droghe dopo l’adeguamento al sesso e all’educazione dei genitori (Sundquist et al., 2015).

10.8. Altro
131
Studi su 2,7 milioni di ragazze dalla Danimarca (Ostergaard et al., 2017), 380.000 dalla Svezia (Skoglund et al., 2019) e 7500 da Taiwan (Hua et al., 2020) hanno rilevato che quelle con ADHD avevano maggiori probabilità di avere gravidanze da adolescenti rispetto a quelle senza ADHD. Coerentemente con questi risultati, ampi studi in Svezia (Chang et al., 2014a), Finlandia (Chudal et al., 2015) e un consorzio di otto paesi europei (Pohlabeln et al., 2017) hanno riscontrato che l’ADHD è più probabile tra figli di madri adolescenti rispetto ai figli di madri più grandi.

132
Uno studio su oltre 36.000 persone negli Stati Uniti ha riferito che l’ADHD ha aumentato i rischi di gioco d’azzardo problematico, spendere troppi soldi, guida spericolata e lasciare un lavoro senza un piano su cosa fare dopo (Bernardi et al., 2012).

133
Uno studio a livello nazionale che utilizza il database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan ha confrontato 675 adulti con ADHD e 2025 senza ADHD, abbinati per età e sesso. Dopo aver aggiustato per altri disturbi psichiatrici, livello di urbanizzazione di residenza e reddito mensile, quelli con ADHD avevano 3,4 volte il rischio di sviluppare demenza (Tzeng et al., 2019).

134
Una meta-analisi di nove studi che hanno coinvolto quasi un milione e mezzo di persone ha scoperto che l’ADHD è associato a un rischio tre volte maggiore di avvelenamento nei bambini (Ruiz-Goikoetxea et al., 2018b). In uno studio di Taiwan che ha confrontato 3685 bambini con ADHD con 36.000 controlli, quelli con ADHD avevano un rischio più che quadruplicato di auto-avvelenamento deliberato (Chou et al., 2014).

135
Uno studio su circa 15.000 adolescenti statunitensi ha riportato che quelli con ADHD hanno avuto una riduzione del 12% dell’occupazione e una riduzione del 34% dei guadagni rispetto ai fratelli non ADHD (Fletcher, 2014).

136
Utilizzando i registri danesi, uno studio sulla popolazione nazionale di oltre 675.000 giovani di età compresa tra 7 e 18 anni ha rilevato che i giovani con ADHD avevano una probabilità 3,7 volte maggiore di essere segnalati come vittime di crimini sessuali rispetto ai controlli normalmente in via di sviluppo. Dopo l’adeguamento per le covariabili, come la violenza dei genitori, la malattia mentale dei genitori ricoverati, il comportamento suicidario dei genitori o l’abuso di alcol, la disoccupazione di lunga durata dei genitori, la separazione familiare e il bambino nelle cure pubbliche al di fuori della famiglia, i giovani con ADHD sono rimasti quasi il doppio segnalate come vittime di crimini sessuali (Christoffersen, 2020).

11. Qual è l’onere economico dell’ADHD?

Dati i numerosi esiti avversi associati all’ADHD, non sarà una sorpresa per i lettori che questi effetti hanno un costo economico sostanziale per i singoli pazienti, le famiglie e la società.
137
Una revisione sistematica di sette studi europei su centinaia di migliaia di partecipanti ha stimato i costi totali correlati all’ADHD nei Paesi Bassi da € 9860 a € 14,483 per paziente all’anno, con costi nazionali annuali superiori a € 1 miliardo (Le et al., 2014) .

138
Una revisione dei costi dell’ADHD per bambini, giovani e adulti in Australia ha stimato che i costi annuali totali superino i 20 miliardi di dollari australiani, o $ 25.000 per persona con ADHD. Ciò include costi finanziari per $ 12,8 miliardi, perdite di benessere per $ 7,6 miliardi e perdite di produttività per $ 10,2 miliardi (Australian ADHD Professionals Association, 2019).

139
Una revisione sistematica di 19 studi statunitensi su centinaia di migliaia di persone ha rilevato che l’ADHD era associato a costi annuali nazionali complessivi da $ 143 a $ 266 miliardi, per lo più associati agli adulti (da $ 105 a $ 194 miliardi). I costi sostenuti dai familiari di persone con ADHD variavano da $ 33 a $ 43 miliardi (Doshi et al., 2012).

140
Uno studio con oltre 7000 lavoratori in dieci nazioni ha rilevato che quelli con ADHD avevano una media di 22 giorni annuali di prestazioni di lavoro perse rispetto a quelli senza ADHD (de Graaf et al., 2008).

141
Uno studio del database di una società Fortune 100 nazionale degli Stati Uniti di oltre 100.000 beneficiari ha confrontato i costi sanitari per i giovani con ADHD con controlli senza ADHD. Il costo medio annuale per membro della famiglia era di $ 2728 per i familiari non ADHD di pazienti con ADHD, quasi il doppio dei $ 1440 per i membri della famiglia di controlli abbinati (Swensen et al., 2003).

142
I registri dell’assicurazione sanitaria tedesca, inclusi oltre 25.000 pazienti con ADHD, indicano che i pazienti con ADHD costano circa 1500 € in più all’anno rispetto a quelli senza ADHD. I principali fattori di costo erano le cure ospedaliere, gli psichiatri e gli psicoterapeuti. L’umore, l’ansia, i disturbi da uso di sostanze e l’obesità erano significativamente più frequenti nei pazienti con ADHD. I costi aggiuntivi derivanti da queste condizioni hanno aggiunto fino a 2800 € per paziente (Libutzki et al., 2019).

143
Utilizzando i dati sui reclami del National Health Insurance Service per la popolazione di età pari o inferiore a 19 anni in Corea del Sud (69.353 con diagnosi di ADHD), l’onere economico totale annuo dovuto all’ADHD è stato stimato in 47,55 milioni di dollari (Hong et al., 2020).

144
Utilizzando i registri nazionali danesi, sono stati identificati oltre 5000 adulti con una diagnosi di ADHD in età adulta che non avevano ricevuto una diagnosi durante l’infanzia. Escludendo i casi con dati mancanti, altre diagnosi psichiatriche e casi senza un fratello dello stesso sesso privo di diagnosi psichiatriche diagnosticate, è stata formata una platea finale composta da 460 coppie di fratelli. In media, gli adulti con ADHD hanno avuto un onere economico annuale di poco più di € 20.000 rispetto ai loro fratelli in via di sviluppo normale (Daley et al., 2019).

145
Uno studio a livello nazionale su oltre 445.000 persone nei registri nazionali svedesi ha confrontato i costi sanitari per tre gruppi: quelli con ADHD infantile che è persistito nell’età adulta, quelli il cui l’ADHD è regredito in età adulta e quelli che non hanno mai avuto l’ADHD. Coloro che non hanno mai avuto l’ADHD hanno avuto costi sanitari medi annuali di 304 €. Quelli regrediti avevano il doppio del costo e quelli con ADHD persistente oltre il triplo del costo (Du Rietz et al., 2020).

146
Uno studio sulla popolazione nazionale di oltre 83.000 persone con ADHD e oltre un terzo di un milione di controlli non-ADHD abbinati per età e sesso ha utilizzato i registri nazionali danesi per calcolare il costo socioeconomico netto dell’ADHD. Relativamente ai controlli, e sommando i costi sanitari diretti netti e le perdite nette da reddito e occupazione inferiori, il costo medio annuo per individuo con ADHD è stato di poco più di € 16.000. Includendo i trasferimenti sociali aggiuntivi, il totale è salito a poco più di 23.000 euro. Per i partner di persone con ADHD, il costo medio annuo aggiuntivo per individuo era di quasi 5500 €. Con ulteriori trasferimenti sociali, il totale è salito a € 8000 (Jennum et al., 2020).

147
Utilizzando un database che tiene traccia di più di sessanta programmi di assicurazione sanitaria nazionali tedeschi, uno studio su cinque milioni di record di membri ha identificato 2380 persone con diagnosi di ADHD per la prima volta da adulti. I loro costi sanitari diretti nell’anno successivo alla diagnosi sono stati in media di € 4000. Nonostante le esplicite linee guida tedesche che raccomandassero i farmaci per l’ADHD, solo a un terzo sono stati prescritti farmaci, scendendo a un ottavo quattro anni dopo. Due terzi hanno ricevuto psicoterapia. Gli autori hanno concluso che “le raccomandazioni delle linee guida non sono ancora completamente implementate nelle cure di routine quotidiane” (Libutzki et al., 2020).

12. Quali farmaci sono sicuri ed efficaci per il trattamento dell’ADHD?

Come determinato dalle agenzie di regolamentazione governative di tutto il mondo, diversi farmaci sono sicuri ed efficaci per il trattamento dei sintomi dell’ADHD come determinato da studi clinici controllati randomizzati che tipicamente studiano i pazienti per diverse settimane. Questi farmaci, che sono altrettanto efficaci o più efficaci di molti farmaci usati per disturbi non psichiatrici (Leucht et al., 2012),  sono classificati come stimolanti (metilfenidato e anfetamina) o non stimolanti (atomoxetina, guanfacina a rilascio prolungato e clonidina a rilascio prolungato).

12.1. Effetti dei farmaci sui sintomi: risultati di studi clinici randomizzati e controllati
148
I protocolli per l’uso di farmaci per l’ADHD sono ben descritti in linee guida dettagliate preparate da associazioni sanitarie professionali (Alliance, 2011; Banaschewski et al., 2018; Bolea-Alamanac et al., 2014; Crunelle et al., 2018; Flisher e Hawkridge, 2013; Graham et al., 2011; Kooij et al., 2019; National Collaborating Center for Mental Health, 2018; National Institute for Health Care and Excellence, 2018a, b; Pliszka, 2007; Schoeman e Liebenberg, 2017; Seixas et al ., 2012; Taylor et al., 2004; Wolraich et al., 2011).

149
Una meta-analisi di rete ha scoperto che gli stimolanti sono altamente efficaci nel ridurre i sintomi dell’ADHD. Rispetto al placebo, valutato dai medici, le anfetamine sono state associate a grandi miglioramenti in tutti i gruppi di età (giovani 6 studi con 2179 partecipanti, adulti 5 studi con 1521 partecipanti), metilfenidato con ampi miglioramenti nei giovani (9 studi, 2677 partecipanti) e moderato quelli negli adulti (11 studi, 2909 partecipanti). La guanfacina a rilascio prolungato (7 studi, 1930 partecipanti) ha portato a moderati miglioramenti nei bambini. L’atomoxetina ha portato a miglioramenti moderati in tutti i gruppi di età (giovani 21 studi con 3812 partecipanti, adulti 11 studi con 3377 partecipanti). Tenendo conto degli effetti collaterali, i farmaci con il miglior rapporto rischio-beneficio erano il metilfenidato per bambini e adolescenti e le anfetamine per gli adulti (Cortese et al., 2018a).

150
Una meta-analisi di 18 studi con oltre 2000 adulti con ADHD ha rilevato che tre derivati ​​delle anfetamine (dextroamphetamine, lisdexamfetamine e sali misti di anfetamine) sono associati a riduzioni moderate dei sintomi dell’ADHD (Castells et al., 2011). Un’altra meta-analisi, combinando quattro studi con 216 giovani, ha scoperto che i sali misti di anfetamina sono leggermente più efficaci nel ridurre i sintomi dell’ADHD rispetto al metilfenidato (Faraone et al., 2002).

151
Una meta-analisi di 19 studi a gruppi paralleli con oltre 1600 partecipanti ha rilevato che il metilfenidato ha prodotto miglioramenti da moderati a ampi nei sintomi di ADHD classificati dagli insegnanti, nel comportamento valutato dagli insegnanti e nella qualità della vita valutata dai genitori. Non c’erano prove di eventi avversi gravi e solo un rischio leggermente elevato di effetti collaterali non gravi (Storebø et al., 2015).

152
Una meta-analisi ha rilevato che il dexmetilfenidato ha ridotto fortemente i sintomi dell’ADHD giovanile rispetto al placebo (sette studi, quasi 1500 partecipanti) e ha avuto tre volte il tasso di risposta clinica (quattro studi, oltre 600 partecipanti) (Maneeton et al., 2015). Un’altra meta-analisi, che copre sei RCT con 253 partecipanti, ha riportato che il metilfenidato ha ridotto fortemente i sintomi dell’ADHD negli adulti, con dosi più elevate che hanno portato a un miglioramento maggiore (Faraone et al., 2004).

153
Una meta-analisi di sette studi con oltre 1600 partecipanti ha riportato che l’atomoxetina ha ridotto moderatamente i sintomi dell’ADHD. (Cheng et al., 2007).

154
Una meta-analisi ha rilevato che il metilfenidato (13 studi, oltre 2200 adulti) e la lisdexamfetamina (cinque studi, oltre 2300 adulti) hanno portato a riduzioni da piccole a moderate dei sintomi di disregolazione emotiva; per atomoxetina (tre studi, 237 adulti) le riduzioni sono state piccole (Lenzi et al., 2018). Un’altra meta-analisi che copre nove studi con oltre 1300 giovani ha riportato che l’atomoxetina è associata a piccole riduzioni dei sintomi emotivi (Schwartz e Correll, 2014).

155
Una meta-analisi ha riportato miglioramenti da moderati a forti nei sintomi dell’ADHD con metilfenidato in pazienti con ADHD con funzionamento intellettuale borderline o disabilità intellettiva (8 studi, 423 bambini). (Sun et al., 2019a).

156
Una meta-analisi di 23 studi con oltre 2900 bambini con ADHD ha riportato che i farmaci stimolanti hanno ridotto l’ansia del 14% rispetto al placebo (Coughlin et al., 2015).

157
Una meta-analisi di nove studi con oltre 1300 partecipanti ha rilevato che gli stimolanti sono altamente efficaci nel ridurre l’aggressività, il comportamento di opposizione e i problemi di condotta nei giovani con ADHD (con e senza disturbo oppositivo provocatorio) e disturbo della condotta, misurati dagli insegnanti, e moderatamente efficace come misurato dai genitori (Pringsheim et al., 2015).

12.2. Effetti dei farmaci sulle menomazioni associate all’ADHD: risultati di studi naturalistici
158
Uno studio del registro svedese su oltre 650.000 studenti ha rilevato che il trattamento con farmaci per l’ADHD per tre mesi ha portato a un aumento di oltre nove punti nella somma dei voti (su una scala da 0 a 320); il trattamento è stato associato a un aumento della probabilità di completare la scuola secondaria superiore di due terzi (Jangmo et al., 2019).

159
Uno studio del registro nazionale svedese su oltre 61.000 giovani con ADHD ha rilevato che i loro punteggi nei test erano più alti durante i periodi in cui stavano assumendo farmaci rispetto ai periodi non medicati (Lu et al., 2017). Uno studio danese di oltre mezzo milione di bambini (oltre 6400 con ADHD) ha scoperto che l’interruzione dei farmaci per l’ADHD era associata a un piccolo ma significativo calo delle medie dei voti (Keilow et al., 2018). Una meta-analisi di nove RCT comprendenti 1463 pazienti ha rilevato che l’interruzione dei farmaci ha portato a un peggioramento della qualità della vita per bambini e adolescenti ma non per adulti. (Tsujii et al., 2020)

160
Uno studio di coorte svedese su oltre 25.000 pazienti con ADHD ha rilevato una riduzione di un terzo della criminalità tra gli uomini che ricevono farmaci per l’ADHD e una riduzione del 40% per le donne (Lichtenstein et al., 2012). Uno studio del registro nazionale danese su oltre 4200 individui con ADHD infantile ha rilevato che i tassi di criminalità in età adulta erano inferiori del 30-40% durante i periodi di assunzione di farmaci per l’ADHD (Mohr-Jensen et al., 2019).

161
Uno studio di coorte danese su oltre 700.000 persone, di cui 4557 con ADHD, ha rilevato che tra gli adolescenti con ADHD, il trattamento stimolante era associato a una diminuzione del tasso di lesioni (30% per i bambini di dieci anni e 40% per i dodici anni) ( Dalsgaard et al., 2015a).

162
Utilizzando i registri nazionali svedesi, uno studio ha seguito 9421 giovani con ADHD e 2986 giovani con ADHD e altre diagnosi psichiatriche dal 2006 al 2013. Ha confrontato i periodi in cui assumevano farmaci per l’ADHD con periodi in cui non lo erano. Durante i periodi di terapia entrambi i gruppi hanno avuto una riduzione superiore al 10% delle lesioni non intenzionali e una riduzione superiore al 70% delle lesioni cerebrali traumatiche (Ghirardi et al., 2020).

163
Uno studio taiwanese su oltre 124.000 giovani con ADHD ha rilevato che il trattamento con metilfenidato superiore a una dose giornaliera cumulativa media annuale di 84 ha dimezzato il rischio di lesioni cerebrali traumatiche, dopo aver aggiustato per fattori confondenti (Liao et al., 2018).

164
Uno studio nazionale ha confrontato 7200 giovani taiwanesi con ADHD con 36.000 bambini senza ADHD. Dopo l’adeguamento per età, sesso, livello di urbanizzazione e regione geografica, i ragazzi con ADHD avevano quasi il 40% in più di probabilità e le ragazze con ADHD il 60% in più di probabilità di subire fratture ossee (Guo et al., 2016). Un altro studio di Taiwan ha identificato oltre 6200 giovani con nuova diagnosi di ADHD e ha valutato l’effetto del trattamento con metilfenidato. Il rischio di fratture ossee era inferiore del 20% in coloro che avevano ricevuto più di sei mesi di trattamento con metilfenidato (Chen et al., 2017b).

165
Un database di cartelle cliniche elettronico basato sulla popolazione a Hong Kong ha identificato oltre 17.000 persone di età compresa tra 6 e 19 anni a cui era stato prescritto metilfenidato. Di questi, quasi 5000 hanno avuto almeno un ricovero al pronto soccorso correlato a traumi. I ricercatori hanno riscontrato una riduzione del 9% di tali ricoveri durante i periodi coperti da una prescrizione di metilfenidato rispetto ai periodi senza prescrizione attiva (Man et al., 2015).

166
Una meta-analisi di cinque studi con oltre 13.000 partecipanti ha rilevato che i farmaci per l’ADHD (principalmente stimolanti) erano associati a una riduzione superiore al 10% delle lesioni involontarie (Ruiz-Goikoetxea et al., 2018a).

167
Utilizzando i registri nazionali svedesi, uno studio su oltre 17.000 persone con ADHD ha rilevato che i farmaci per l’ADHD erano associati a una riduzione superiore al 50% del rischio di gravi incidenti con mezzi di trasporto tra i maschi ma non le femmine. Oltre il 40% degli incidenti di pazienti di sesso maschile sarebbe stato evitato se avessero ricevuto cure durante l’intero periodo (Chang et al., 2014b). Uno studio di coorte nazionale degli Stati Uniti su 2,3 ​​milioni di persone con ADHD ha esaminato le visite al pronto soccorso per incidenti automobilistici nell’arco di dieci anni. I maschi con ADHD avevano un rischio inferiore del 38% di incidenti in mesi quando ricevevano farmaci per l’ADHD rispetto ai mesi in cui non ricevevano farmaci, e le femmine un rischio inferiore del 42% in mesi quando ricevevano farmaci per l’ADHD. Circa un quinto degli incidenti sarebbe stato evitato se fossero stati trattati con farmaci per tutto il periodo dello studio (Chang et al., 2017).

168
Uno studio longitudinale che utilizza il Taiwan Health Insurance Research Database ha confrontato quasi 18.000 adolescenti e giovani adulti con ADHD con oltre 70.000 controlli abbinati per età e sesso. L’uso a breve termine di farmaci per l’ADHD è stato associato a una riduzione del 30% delle infezioni a trasmissione sessuale e all’uso a lungo termine con una riduzione del 40%, sebbene queste riduzioni fossero solo tra i maschi (Chen et al., 2018a).

169
Uno studio di coorte longitudinale a livello nazionale utilizzando i registri nazionali svedesi ha rilevato che tra più di 38.000 persone con ADHD, i farmaci per l’ADHD erano associati a una riduzione superiore al 40% del rischio di depressione tre anni dopo. Il rischio è diminuito con la durata dell’uso di farmaci per l’ADHD. La depressione era del 20% meno comune quando i pazienti ricevevano farmaci per l’ADHD rispetto ai periodi in cui non lo facevano (Chang et al., 2016).

170
Uno studio svedese basato sulla popolazione di 38.000 persone con ADHD ha rilevato un calo del 20% degli eventi correlati al suicidio tra gli stimolanti prescritti durante i periodi in cui erano in trattamento rispetto a durante i periodi in cui non erano in trattamento. Nessun beneficio di questo tipo è stato trovato per i farmaci non stimolanti (Chen et al., 2014).

171
Uno studio taiwanese ha identificato 85.000 giovani con ADHD utilizzando i dati della National Health Insurance per esaminare se l’uso di metilfenidato abbia influenzato i tentativi di suicidio. Dopo aver aggiustato le variabili rilevanti, ha rilevato un rischio di suicidio inferiore del 60% in coloro che usano metilfenidato da 3 mesi a sei mesi e una riduzione del 70% tra coloro che usano metilfenidato per più di sei mesi (Liang et al., 2018b) .

172
Uno studio utilizzando i registri nazionali svedesi ha indagato l’associazione tra farmaci stimolanti prescritti per l’ADHD nel 2006 e l’abuso di sostanze durante il 2009 tra tutte le 38.753 persone nate tra il 1960 e il 1998 e con diagnosi di ADHD. Dopo aver controllato le variabili rilevanti, ha riscontrato una riduzione superiore al 30% degli indicatori di abuso di sostanze tra gli stimolanti prescritti. Maggiore è la durata del farmaco, minore è il tasso di abuso di sostanze (Chang et al., 2014c). Una meta-analisi di 14 studi con oltre 2300 partecipanti ha rilevato che le persone con ADHD avevano circa la metà delle probabilità di fumare sigarette se trattate regolarmente con farmaci stimolanti (Schoenfelder et al., 2014). Una meta-analisi ha rilevato che gli stimolanti non aumentavano il rischio di alcol (11 studi, oltre 1300 partecipanti, nicotina (6 studi, 884 partecipanti), cocaina (7 studi, 950 partecipanti) o abuso o dipendenza da cannabis (9 studi, oltre 1100 partecipanti) (Humphreys et al., 2013).

173
Uno studio nazionale su oltre 7500 adolescenti taiwanesi con ADHD e oltre 30.000 controlli abbinati ha rilevato che l’uso a lungo termine dell’uso di farmaci per l’ADHD era associato a una diminuzione del 30% delle gravidanze adolescenziali (Hua et al., 2020).

174
Uno studio a livello nazionale basato sulla popolazione utilizzando il database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan ha identificato oltre 68.000 bambini e adolescenti con una diagnosi di ADHD e a cui è stato prescritto metilfenidato e li ha confrontati con un numero identico di controlli abbinati per età, sesso e anno della prima diagnosi di ADHD . Dopo aver controllato i potenziali fattori di confondimento, gli individui con ADHD prescritti metilfenidato avevano un tasso inferiore di un quinto di mortalità per tutte le cause rispetto agli individui ADHD a cui non veniva prescritto metilfenidato. L’uso ritardato del metilfenidato, d’altra parte, è stato associato a una mortalità leggermente superiore (5%). L’uso a lungo termine di metilfenidato è stato associato a un sesto inferiore del tasso di mortalità per tutte le cause. Gli autori avvertono, tuttavia, che “le informazioni mancanti nel database precludevano la misurazione di altri possibili fattori di confondimento, come la storia familiare, i fattori di stress psicosociali, l’effetto della terapia comportamentale o la gravità delle comorbidità”, e quindi non è possibile escludere un confondimento non misurato (Chen et al. ., 2020a).

175
Uno studio a livello nazionale basato sulla popolazione che utilizza il database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan ha identificato oltre 90.000 persone di età inferiore ai 18 anni con una diagnosi di ADHD e ha confrontato il rischio di ustioni tra coloro che non assumevano metilfenidato, quelli che assumevano metilfenidato per meno di 90 giorni e su metilfenidato per più di 90 giorni. I dati hanno suggerito che completamente la metà dell’incidenza delle ustioni avrebbe potuto essere prevenuta assumendo metilfenidato. Rispetto ai pazienti che non assumevano metilfenidato, quelli che lo assumevano per meno di 90 giorni avevano un rischio inferiore del 30% di ustioni e quelli che lo assumevano per 90 giorni o più una riduzione del rischio del 57%, dopo aver corretto i fattori di confondimento (Chen et al. , 2020b).

12.3. Effetti dei farmaci per l’ADHD sul cervello
176
Una meta-analisi del trattamento con metilfenidato per l’ADHD ha rilevato miglioramenti moderati nell’inibizione della risposta (25 studi, 787 partecipanti) e attenzione sostenuta (29 studi, 956 partecipanti), ma nessun effetto significativo sulla memoria di lavoro (13 studi, 559 partecipanti) (Tamminga et al., 2016).

177
Una meta-analisi di 14 studi fMRI con 212 partecipanti ha riportato che il trattamento farmacologico per l’ADHD ha fatto funzionare il cervello dei giovani con ADHD in un modo che era più simile al cervello delle persone senza ADHD nelle aree cerebrali coinvolte nel controllo della cognizione, che è tipicamente interrotto nell’ADHD (Rubia et al., 2014). Il trattamento farmacologico per l’ADHD non ha avuto alcun effetto sulla struttura cerebrale negli studi su 4180 pazienti con ADHD nel gruppo di lavoro ENIGMA-ADHD di 36 studi da tutto il mondo (Hoogman et al., 2017, 2019).

12.4. Effetti avversi dei farmaci per l’ADHD
178
Una meta-analisi ha rilevato che gli stimolanti riducono moderatamente il tempo totale di sonno (7 studi, 223 bambini), ritardano l’inizio del sonno (7 studi, 171 bambini) e diminuiscono leggermente o moderatamente l’efficienza del sonno (7 studi, 155 bambini) ( Kidwell et al., 2015). Una meta-analisi ha rilevato che i bambini e gli adolescenti trattati con metilfenidato avevano il 50% di probabilità in più di riferire dolore addominale (46 studi, oltre 4600 giovani) e oltre tre volte più probabilità di sperimentare diminuzioni dell’appetito (52 studi, oltre 4800 giovani) e del peso ( 7 studi, oltre 850 giovani) (Holmskov et al., 2017). Una revisione generale delle meta-analisi di rete e delle meta-analisi di RCT e studi ha esaminato 78 eventi avversi in 19 categorie di 80 farmaci psicotropi in bambini e adolescenti con disturbi mentali, inclusi i dati di nove meta-analisi di rete, 39 meta-analisi, 90 RCT individuali e otto studi con un totale di 337.686 bambini e adolescenti inclusi (Solmi et al., 2020). Cinque farmaci per l’ADHD sono stati associati ad un’anoressia significativamente peggiore (atomoxetina, d-anfetamina, lisdexamfetamina, metilfenidato, modafinil), quattro con insonnia (d-anfetamina, lisdexamfetamina, metilfenidato, modafinil), tre con perdita di peso (atomoxanfetina), metilfenidato , due ciascuno con dolore addominale (metilfenidato, guanfacina), interruzione del trattamento a causa di eventi avversi (lisdexamfetamina, guanfacina), ipertensione (atomoxetina, lisdexamfetamina) e sedazione (clonidina, guanfacina) e uno con prolungamento del QT (guanfacina).

179
Una meta-analisi di dodici studi con oltre 3300 adulti ha rilevato che coloro che assumevano atomoxetina avevano circa il 40% in più di probabilità di interrompere il trattamento a causa di eventi avversi rispetto a quelli trattati con placebo (Cunill et al., 2013). Una meta-analisi ha rilevato che il metilfenidato aveva più del doppio delle probabilità di indurre insonnia rispetto all’atomoxetina (10 studi, oltre 3000 giovani), ma circa la metà delle probabilità di causare nausea (8 studi, oltre 2750 giovani) e vomito (97 studi, oltre 2500 giovani) e circa un sesto delle probabilità di causare sonnolenza (9 studi, oltre 2800 giovani) (Liu et al., 2017a). Una meta-analisi degli studi sul trattamento con metilfenidato ha riportato un aumento del 55% degli eventi avversi rispetto al placebo, nessuno pericoloso per la vita (11 studi, oltre 2100 giovani), ma un aumento di cinque volte dell’anoressia (3 studi, 613 giovani) e più di aumento di quattro volte dell’insonnia (4 studi, 749 giovani) (Ching et al., 2019).

180
I bambini trattati con stimolanti possono mostrare ritardi nell’aumento di altezza previsto in media di due centimetri in uno o due anni. Questi a volte si attenuano nel tempo e spesso si invertono quando il trattamento viene interrotto (Faraone et al., 2008). Uno studio delle cartelle cliniche degli Stati Uniti che ha confrontato oltre 32.000 bambini con ADHD trattati con stimolanti con oltre 11.000 controlli ha rilevato continui cali dell’altezza prevista per un periodo di quattro anni. Uno studio dalla Germania, tuttavia, ha affrontato in modo specifico se gli stimolanti prevedevano che i pazienti fossero molto bassi (cioè, inferiori o uguali al terzo percentile della popolazione). Dopo aver confrontato 3806 ragazzi non trattati con metilfenidato con 118 ragazzi trattati, i risultati non hanno indicato che il metilfenidato aumentasse la probabilità di questo esito avverso (McCarthy et al., 2018).

181
Uno studio che utilizza i registri nazionali danesi ha seguito oltre 700.000 individui per un periodo medio di quasi un decennio. Guardando 8300 persone con ADHD, gli utenti di stimolanti avevano più del doppio del tasso di eventi cardiovascolari (principalmente ipertensione) rispetto ai non utilizzatori. Questi eventi erano rari (Dalsgaard et al., 2014).

182
Una meta-analisi di cinque studi con oltre 43.000 bambini e adolescenti non ha rilevato differenze significative negli eventi cardiaci avversi tra metilfenidato e atomoxetina e una meta-analisi di tre studi con 775 adulti non ha rilevato differenze significative negli eventi cardiaci avversi tra metilfenidato e placebo ( Liang et al., 2018a).

183
Una meta-analisi che copre persone di tutte le età ha riportato che il metilfenidato non era associato a un rischio più elevato di morte per tutte le cause (3 studi, oltre 1,4 milioni di persone), infarto o ictus (3 studi, oltre mezzo milione di persone) (Liu et al., 2019a).

184
Uno studio  su oltre 1,8 milioni di gravidanze negli Stati Uniti e oltre 2,5 milioni di gravidanze nei registri sanitari di Danimarca, Finlandia, Svezia, Norvegia e Islanda ha riportato che l’uso di metilfenidato (ma non di anfetamine) da parte di donne in gravidanza era associato a un rischio di malformazioni cardiache da 12,9 per mille neonati a 16,5 per mille neonati (Huybrechts et al., 2018). Una meta-analisi di quattro studi su tre milioni di donne ha anche scoperto che l’esposizione intrauterina al metilfenidato era associata a un rischio più elevato di malformazioni cardiache (Koren et al., 2020).

185
Una meta-analisi che esamina la sicurezza dell’atomoxetina non ha rilevato un aumento significativo del rischio di irritabilità (3 studi, oltre 1100 bambini) (Pozzi et al., 2018). Altri due, uno che combina venti studi con oltre 3000 partecipanti e un altro che combina 37 studi con oltre 3800 partecipanti, non hanno riscontrato alcun aumento del rischio di interruzione del trattamento per tutte le cause nei giovani (Catala-Lopez et al., 2017; Schwartz e Correll, 2014 ). Tuttavia, una meta-analisi di dodici studi con oltre 3300 adulti ha rilevato una percentuale maggiore del 40% di interruzione del trattamento per tutte le cause, portando alla conclusione che “l’atomoxetina ha uno scarso equilibrio rischio-beneficio per il trattamento di adulti con ADHD” (Cunill et al., 2013).

186
L’Hong Kong Clinical Data Analysis & Reporting System, un database di cartelle cliniche elettroniche basato sulla popolazione, è stato utilizzato per esaminare oltre 25.000 persone che ricevevano metilfenidato per l’ADHD. Durante il periodo di 90 giorni prima dell’inizio della terapia, gli individui con ADHD avevano una probabilità sei volte maggiore di tentare il suicidio rispetto al trattamento. Dopo il trattamento in corso, il rischio di tentato suicidio non era più elevato tra i pazienti con ADHD (Man et al., 2017).

187
Utilizzando lo stesso database di Hong Kong, il rischio di psicosi non differiva tra i periodi in cui i pazienti erano in trattamento con metilfenidato (Man et al., 2016).

188
Uno studio del registro svedese su oltre 23.000 adolescenti e giovani adulti trattati con metilfenidato per l’ADHD non ha trovato prove di un’associazione tra psicosi e trattamento con metilfenidato. Un anno dopo l’inizio del trattamento con metilfenidato, l’incidenza di eventi psicotici era inferiore del 36% in quelli con una storia di psicosi e del 18% in quelli senza una storia di psicosi rispetto al periodo immediatamente precedente l’inizio del trattamento (Hollis et al. , 2019).

12.5. Uso improprio e vendita di farmaci stimolanti
189
Una revisione sistematica di 109 studi ha concluso che l’uso non medico di stimolanti prescritti è un problema di salute pubblica significativo, specialmente negli studenti universitari. La maggior parte dell’uso non medico è associato a effetti medici nulli o minori, ma in alcuni individui si verificano esiti medici avversi, inclusa la morte, in particolare se somministrati per vie non orali. Il miglioramento delle prestazioni accademiche e professionali erano le motivazioni più comunemente citate per l’uso non medico di stimolanti, ma ci sono poche prove che il rendimento scolastico sia migliorato dall’uso non medico in individui senza ADHD (Faraone et al., 2020).

190
L’uso non medico di stimolanti prescritti in individui senza ADHD è associato a un livello di istruzione inferiore. Uno studio prospettico statunitense ha seguito un campione rappresentativo a livello nazionale di oltre 8300 studenti delle scuole superiori dai 18 ai 35 anni. Coloro che utilizzavano stimolanti soggetti a prescrizione medica avevano il 17% in meno di probabilità di conseguire una laurea rispetto a coloro che non avevano né cure mediche né non mediche. uso (McCabe et al., 2017).

191
Uno studio retrospettivo ha confrontato 4,4 milioni di persone che hanno somministrato farmaci per l’ADHD con 6,1 milioni di persone che hanno dispensato farmaci per l’asma. L’ottenimento di prescrizioni da più prescrittori o il riempimento di prescrizioni in più farmacie era altamente correlato ad abuso, uso improprio e diversione. Questi comportamenti di “acquisto” erano quattro volte più frequenti nel gruppo ADHD rispetto al gruppo asma. Quei farmaci stimolanti erogati avevano una probabilità otto volte maggiore di assumere comportamenti di acquisto rispetto a quelli erogati non stimolanti, ma solo una persona su 250 con prescrizioni di stimolanti era impegnata in comportamenti di acquisto multipli (Cepeda et al., 2014).

192
Uno studio statunitense su oltre 440.000 intervistati ha rilevato che l’uso di droghe illegali o altro uso non medico di farmaci da prescrizione ha preceduto l’uso non medico di farmaci per l’ADHD in più di tre casi su quattro (Sweeney et al., 2013).

193
Uno studio ha esaminato i dati di dispensazione delle farmacie nazionali svedesi per tutti i 56.922 individui che hanno compilato una prescrizione di metilfenidato tra il 2010 e il 2011. 4304 dei consumatori di metilfenidato (7,6%) hanno fatto un uso eccessivo di farmaci misurati dalle prescrizioni dispensate. L’abuso è stato 17 volte più frequente per i 46-65 anni rispetto ai 6-12 anni. Era anche due volte più frequente tra quelli con precedente abuso di alcol e droghe (Bjerkeli et al., 2018).

194
Ampi studi sulle chiamate ai centri antiveleni statunitensi relativi ai farmaci per l’ADHD hanno rilevato che l’esposizione intenzionale, incluso il sospetto suicidio e l’abuso e / o l’uso improprio di farmaci, è associata all’ammissione alle unità di terapia intensiva e, raramente, alla morte, specialmente se sniffata o iniettata (Faraone et al. ., 2019a; King et al., 2018).

13. Quali trattamenti non farmacologici sono sicuri ed efficaci per l’ADHD?

Molti trattamenti non medici sono stati proposti per l’ADHD. La maggior parte di quelli offerti su Internet non sono stati testati o hanno dimostrato di non essere efficaci. In questa sezione, distinguiamo tra gli effetti di un trattamento per i sintomi dell’ADHD e altri benefici che può conferire. A causa del modo in cui queste terapie vengono implementate e registrate nella cartella clinica, non sono possibili studi naturalistici su larga scala di esiti a lungo termine.

13.1. Terapie comportamentali e cognitivo-comportamentali
I trattamenti comportamentali per l’ADHD sono di natura diversa e hanno un contenuto e un focus diversi a seconda dell’età del paziente. Per i bambini in età prescolare e le scuole elementari, i genitori vengono formati per migliorare il loro metodo di disciplina e di interazione con i loro figli. Per adolescenti e adulti, la terapia aiuta i pazienti a migliorare le loro capacità organizzative. Per alcuni pazienti, gli insegnanti contribuiscono a un programma volto a migliorare il comportamento del bambino. Alcune di queste terapie si concentrano sul miglioramento dei comportamenti sociali e sullo sviluppo di abilità pratiche. In questa sezione, tuttavia, ci concentriamo solo sulla capacità di tali trattamenti di migliorare i sintomi dell’ADHD. I lettori dovrebbero tenere presente che il fallimento di un trattamento per migliorare sostanzialmente i sintomi dell’ADHD non significa che non sia utile per altri scopi.

195
Una meta-analisi ha rilevato che la formazione dei genitori per bambini in età prescolare con ADHD è associata a una moderata riduzione dei sintomi di ADHD segnalati dai genitori (15 studi, pochi con controlli attivi, oltre un migliaio di partecipanti) e conduce problemi (14 studi, pochi con controlli attivi , oltre un migliaio di partecipanti), ma nessun risultato significativo per sintomi di ADHD valutati in modo indipendente (6 studi, 403 partecipanti) e problemi di condotta (6 studi, 311 partecipanti). Valutazioni indipendenti hanno riportato una piccola riduzione della genitorialità negativa (10 studi, 771 partecipanti) (Rimestad et al., 2019).

196
Una meta-analisi di 19 studi di terapia cognitivo-comportamentale (CBT) per adulti con ADHD ha incluso 896 partecipanti. Ha trovato associazioni con miglioramenti moderati nei sintomi di ADHD auto-riportati e nel funzionamento auto-riferito. Ma se limitato ai due studi con controlli attivi e valutatori ciechi (N = 244 partecipanti), ha trovato solo piccoli miglioramenti (Knouse et al., 2017). In un’altra meta-analisi di quattro studi con 160 pazienti con ADHD adulti, la CBT ha portato a miglioramenti da ampi a moderati rispetto ai controlli in lista d’attesa. In tre studi su 191 pazienti la CBT ha portato a miglioramenti da piccoli a moderati rispetto ai controlli attivi (Young et al., 2020).

197
Una meta-analisi di 32 studi con oltre duemila partecipanti ha rilevato che la formazione cognitiva ha portato a miglioramenti da piccoli a moderati nel funzionamento esecutivo nei bambini in età prescolare con ADHD (Scionti et al., 2019).

198
Una meta-analisi ha esplorato l’efficacia della terapia basata sulla meditazione. Ha trovato riduzioni moderate dei sintomi dell’ADHD sia nei bambini che negli adolescenti (6 RCT, 240 partecipanti) e negli adulti (6 RCT, 339 partecipanti), ma la metà degli studi non ha utilizzato controlli attivi. La rimozione degli studi con controlli in lista d’attesa ha reso i risultati non significativi. Gli autori hanno concluso che “non ci sono prove metodologicamente valide per supportare la raccomandazione di terapie basate sulla meditazione come intervento mirato a colpire i sintomi principali dell’ADHD o le disfunzioni neuropsicologiche correlate in bambini / adolescenti o adulti con ADHD” (Zhang et al., 2018).

199
Una meta-analisi ha rilevato che la formazione sulle abilità sociali per i giovani con ADHD non ha migliorato le abilità sociali valutate dagli insegnanti (11 studi, oltre 1200 giovani), il comportamento generale (8 studi, oltre 1000 giovani) o il rendimento scolastico e i voti (5 studi, oltre 600 giovani) (Storebo et al., 2019).

200
Una meta-analisi di dieci studi con 893 giovani ha riportato che gli interventi sulle capacità organizzative hanno portato a moderate riduzioni dei sintomi di disattenzione riferiti dai genitori (Bikic et al., 2017).

13.2. Formazione cognitiva computerizzata e neurofeedback
201
Una meta-analisi di cinque studi randomizzati controllati (RCT) con 263 partecipanti che esplorano l’efficacia del neurofeedback ha rilevato una piccola riduzione della disattenzione, ma nessuna riduzione significativa dell’iperattività-impulsività o dei sintomi complessivi dell’ADHD con valutazioni da valutatori probabilmente in cieco (i ricercatori che misurano i risultati lo hanno fatto non so se i pazienti stavano ricevendo il trattamento attivo o di controllo) (Micoulaud-Franchi et al., 2014).

202
L’European ADHD Guidelines Group ha pubblicato meta-analisi di formazione cognitiva e neurofeedback per i giovani. Probabilmente studi di formazione cognitiva in cieco con controlli attivi (6 studi, 287 giovani) non hanno riportato alcuna riduzione significativa dei sintomi dell’ADHD. Ma hanno riscontrato miglioramenti moderati nella memoria di lavoro verbale (5 studi, 263 giovani). Non ci sono stati effetti significativi sui risultati accademici in matematica e lettura (95 studi, 290 giovani) (Cortese et al., 2015). Studi di neurofeedback in cieco con controlli attivi / fittizi (6 studi, 251 partecipanti) non hanno riscontrato una riduzione significativa dei sintomi dell’ADHD (Cortese et al., 2016a).

203
Una meta-analisi ha rilevato che l’allenamento della memoria di lavoro ha portato a miglioramenti a breve termine sia della memoria di lavoro verbale (21 studi, oltre 1300 partecipanti) che della memoria di lavoro visuospaziale (18 studi, oltre 1000 partecipanti), senza “alcuna prova convincente che anche -Gli effetti di trasferimento sono durevoli. ” Inoltre, la maggior parte degli studi mancava di controlli attivi (Melby-Lervag e Hulme, 2013).

13.3. Integratori, dieta ed esercizio fisico
204
L’integrazione di acidi grassi omega-3 è stata associata a miglioramenti da piccoli a medi nei sintomi dell’ADHD in tre meta-analisi (dieci studi con 699 partecipanti, 16 studi con 1408 partecipanti, 7 studi con 534 partecipanti) (Bloch e Qawasmi, 2011; Chang et al., 2018; Hawkey e Nigg, 2014). Un’altra meta-analisi, con 18 studi e 1640 partecipanti, ha trovato piccoli miglioramenti (Puri e Martins, 2014).

205
Una meta-analisi non ha trovato prove di alcun effetto degli integratori di acidi grassi omega-3 sui sintomi di labilità emotiva valutati dai genitori (5 studi, 650 bambini) o dagli insegnanti (3 studi, 598 bambini) o dai genitori (8 studi) , 875 bambini) o sintomi di opposizione valutati dagli insegnanti (6 studi, 805 bambini) nei bambini con ADHD (Cooper et al., 2016).

206
Una meta-analisi di cinque studi incrociati in doppio cieco con 164 partecipanti ha scoperto che la limitazione dei coloranti alimentari sintetici dalla dieta dei bambini era associata a una piccola riduzione dei sintomi dell’ADHD (Nigg et al., 2012).

207
Una meta-analisi di dieci studi (300 bambini) ha rilevato che l’esercizio fisico era associato a una moderata riduzione dei sintomi dell’ADHD, ma non ha avuto alcun effetto significativo dopo l’aggiustamento per il bias di pubblicazione (Vysniauske et al., 2020). Un’altra meta-analisi non ha rilevato alcun effetto significativo dell’esercizio sull’iperattività / impulsività (4 studi, 227 partecipanti) o sui sintomi di disattenzione (6 studi, 277 partecipanti), ma riduzioni significative dell’ansia e della depressione (5 studi, 164 partecipanti) (Zang, 2019).

208
Uno studio sulla popolazione a livello nazionale utilizzando lo Swedish Twin Register ha identificato quasi 18.000 gemelli che hanno completato un sondaggio basato sul web che esamina la relazione tra disattenzione e sottotipi di iperattività / impulsività e abitudini alimentari. I due sottotipi di ADHD hanno mostrato associazioni molto simili. Entrambi avevano associazioni significative con diete malsane. Entrambi avevano maggiori probabilità di mangiare cibi ricchi di zuccheri aggiunti e trascurare frutta e verdura mentre mangiavano più carne e grassi. Dopo l’aggiustamento per il grado di parentela dei gemelli (monozigoti o dizigoti) e il controllo per l’altro sottotipo ADHD, le associazioni sono rimaste statisticamente significative per la disattenzione, ma sono diminuite a livelli trascurabili o sono diventate statisticamente non significative per iperattività / impulsività. Anche per le persone con sintomi di disattenzione, le correlazioni aggiustate erano piccole (non superavano mai r = 0,10), con le associazioni più forti che riguardavano abitudini alimentari malsane e cibi ricchi di zuccheri aggiunti. Tra le oltre 700 coppie di gemelli monozigoti (“identici”), ha trovato piccole ma robuste associazioni tra sintomi di disattenzione e abitudini alimentari malsane, e soprattutto con il consumo di cibi ricchi di zuccheri aggiunti. Per i sintomi di iperattività / impulsività, l’associazione con abitudini alimentari malsane era più debole e l’associazione con il consumo di cibi ricchi di zuccheri aggiunti è diventata statisticamente insignificante (Li et al., 2020).

14. Discussione

Questo lavoro ha curato affermazioni basate sull’evidenza sull’ADHD che dipingono un quadro del disturbo che riassumiamo come segue:
L’ADHD è un disturbo cronico in cui sintomi di disattenzione e / o iperattività / impulsività non appropriati per lo sviluppo portano a problemi in molti aspetti della vita. Il disturbo, che inizia nell’infanzia o nella prima adolescenza ed è più comune nei ragazzi che nelle ragazze, colpisce il 5,9% dei giovani e il 2,8% degli adulti in tutto il mondo. Ci sono molteplici fattori di rischio genetici e ambientali che si accumulano in varie combinazioni per causare l’ADHD. Questi fattori di rischio portano a sottili cambiamenti in più reti cerebrali e nei processi cognitivi, motivazionali ed emotivi che di controllo. Le persone con diagnosi di ADHD hanno un rischio elevato di fallimento scolastico, comportamento antisociale, altri problemi psichiatrici, disturbi somatici, abuso di droghe e alcol, lesioni accidentali e morte prematura, compreso il suicidio tentato e completato. Di conseguenza, l’ADHD costa alla società centinaia di miliardi di dollari ogni anno. Diversi farmaci sono sicuri ed efficaci per il trattamento dell’ADHD e per prevenire molti esiti avversi. Sono disponibili trattamenti non farmacologici ma, rispetto ai farmaci, sono meno efficaci per ridurre la disattenzione, l’iperattività e l’impulsività.

Nonostante questo ampio corpo di prove, abbiamo molto di più da imparare sul disturbo e sulle sue varie manifestazioni. Studi epidemiologici ci hanno insegnato che l’ADHD si manifesta in tutto il mondo, ma sappiamo poco di come la cultura influenzi l’espressione dei sintomi dell’ADHD o la risposta al trattamento. Poiché la maggior parte delle ricerche sull’ADHD si basa su campioni caucasici e dell’Asia orientale, dobbiamo essere cauti nel generalizzare le nostre affermazioni ad altri gruppi. Inoltre, molte più ricerche riguardano i maschi rispetto alle femmine. Abbiamo anche bisogno di saperne di più sull’ADHD negli anziani. La ricerca futura sull’ADHD dovrebbe esaminare campioni più diversi da una gamma più ampia di contesti culturali.

Abbiamo imparato molto sulle cause dell’ADHD, ma stiamo solo iniziando a capire come i geni e l’ambiente si combinano per causare il disturbo e influenzare il cervello per produrre sintomi e menomazioni. Alcune di queste cause possono essere condivise con le comorbidità somatiche dell’ADHD. Gli esempi includono stress ossidativo, infiammazione e resistenza all’insulina. Il lavoro futuro dovrebbe concentrarsi sui meccanismi causali biologici e psicologici per trovare punti di intervento che miglioreranno l’efficacia dei trattamenti medici e non medici e, alla fine, prevengono l’insorgenza del disturbo. Sebbene i farmaci che trattano l’ADHD siano altamente efficaci, abbiamo bisogno di metodi migliori per prevenire l’uso improprio e la diversione di questi farmaci, specialmente tra adolescenti e giovani adulti (Faraone et al., 2020).

Molti decenni di ricerca hanno portato a un metodo di diagnosi dell’ADHD che è altamente valido come predittore della risposta al trattamento, storia familiare di ADHD, molte caratteristiche cliniche, misure della struttura e della funzione cerebrale e risultati avversi. Tuttavia, ci sono diverse nuove direzioni per la diagnosi. Uno è comprendere meglio la natura e le cause dei sintomi emotivi nell’ADHD e se questi debbano essere incorporati nei criteri diagnostici (Faraone et al., 2019b). Un altro è determinare se e come i casi lievi o sotto soglia di ADHD dovrebbero essere diagnosticati e trattati (Kirova et al., 2019). Le diverse traiettorie dell’ADHD durante il ciclo di vita devono essere ulteriormente studiate.

Molti ricercatori stanno cercando di sviluppare test computerizzati o biologici utilizzando le informazioni sul comportamento del paziente, il cervello e / o il trucco genetico. La speranza è che tali test un giorno possano diagnosticare il disturbo, prevedere un approccio personalizzato al trattamento o assistere i medici in queste aree. Altri stanno lavorando su metodi che utilizzano i vasti dati disponibili dalle cartelle cliniche per prevedere quali pazienti con ADHD sono a maggior rischio di esiti avversi più avanti nella vita. Tale lavoro potrebbe un giorno consentire ai sistemi sanitari di allocare risorse ai pazienti a più alto rischio.

Sebbene abbiamo buoni trattamenti per l’ADHD, anche i migliori trattamenti sono solo parzialmente efficaci. Il futuro del trattamento per l’ADHD includerà nuovi farmaci attualmente in fase di sviluppo e una base di prove più forte per nuovi trattamenti non farmacologici per il trattamento dei sintomi dell’ADHD o dei disturbi associati, come la stimolazione del nervo trigemino (McGough et al., 2019) e trattamenti basati sul gioco (Craven e Groom, 2015; Dovis et al., 2015). E sono necessari più dati per migliorare i trattamenti esistenti non farmacologici e per testare l’efficacia delle terapie tradizionali come l’agopuntura, lo yoga e le terapie ayurvediche. Inoltre, si sa poco su come i disturbi somatici che si verificano in concomitanza con l’ADHD interagiscono con i trattamenti per l’ADHD e su come i sintomi del disturbo influenzano gli esiti somatici. Dobbiamo saperne di più su come la durata del trattamento influisce sui risultati per periodi di tempo più lunghi.

Sappiamo anche poco dello stigma e dell’ADHD. Gli atteggiamenti stigmatizzanti nei confronti dell’ADHD sono comuni e possono svolgere un ruolo negli esiti socialmente e clinicamente importanti. Questi atteggiamenti negativi influenzano i pazienti in tutte le fasi della loro vita. Tali atteggiamenti sono stati documentati tra individui di tutte le età e in tutti i gruppi, inclusi famiglia, coetanei, insegnanti, medici e persino individui con ADHD stessi (Lebowitz, 2016).

Nonostante queste e altre lacune nella nostra conoscenza dell’ADHD, quasi due secoli e mezzo dopo la prima descrizione da manuale di una sindrome simile all’ADHD, le affermazioni sull’ADHD che abbiamo curato, ci rendono fiduciosi che la diagnosi contemporanea del disturbo è una categoria valida e utile che può essere utilizzata in tutto il mondo per migliorare la vita delle tante persone che soffrono del disturbo e delle sue complicanze.

Fonti e conflitti di interesse:

vedi articolo originale.

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.